Piccole e medie imprese / Tappa del “Roadshow a Siracusa”, che si conferma territorio con grandi potenzialità verso i mercati esteri

La tappa siracusana del Roadshow “Italia per le Imprese, con le PMI verso i mercati esteri” – informa una nota dell’ufficio stampa “Agorà” –

Uno scorcio della sala dei lavori

ha confermato le grandi potenzialità di questo territorio, con interessanti possibilità di espansione sui mercati stranieri per le produzioni e i servizi delle imprese siciliane.

La proficua collaborazione tra istituzioni governative, organizzazioni private delle imprese e principali rappresentanti del mondo economico e finanziario, rende oggi possibile un’azione pianificata per affrontare e sostenere il processo di esportazione, per conoscerne approfonditamente le dinamiche e le opportunità, per progettare un’azione strategicamente efficace e duratura.

L’evento, più concretamente finalizzato agli incontri tra imprese ed esperti e consulenti, è stato appositamente concepito per favorire una partecipazione attiva, per acquisire strumenti e conoscenze utili a sfruttare quelle opportunità – di tipo orientativo, consulenziale, finanziario – che sono messe a disposizione del mondo produttivo per vincere la sfida della globalizzazione ed esportare con successo.

A introdurre i lavori è stato Daniele La Porta – presidente Confartigianato Imprese Siracusa che ha così commentato questa giornata: “Il sud-est Sicilia è un’area a forte vocazione innovativa che non ha bisogno di interventi di sussistenza. Le nostre imprese chiedono solo una tassazione meno asfissiante, una burocrazia più efficiente ed efficace, nuove infrastrutture. Alle istituzioni governative, nazionale e regionale, il compito di sbloccare gli investimenti e di gestire al meglio i fondi strutturali. A noi, associazioni datoriali, la responsabilità di affiancare e sostenere le imprese nelle difficili sfide della competitività e della internazionalizzazione, favorendo eventi come quello di oggi.”

 Ha quindi portato i saluti della città Francesco Italia, vice sindaco: “La ricerca di nuove opportunità di sviluppo per questa terra, che ha conosciuto i fasti del boom industriale, è una delle priorità della nostra Amministrazione” ha ricordato. “Grazie al petrolchimico siamo stati una delle locomotive del meridione, ma tutti gli indicatori oggi ci dicono che costruiremo il futuro sfruttando al meglio le nostre vocazioni: certamente turismo e agroalimentare con le sue eccellenze, ma anche elettronica, meccanica e impiantistica, che si sono sviluppate nei decenni sotto la spinta del polo industriale. Allora, accogliamo con grande piacere appuntamenti come questi, che aprono alle nostre aziende relazioni e nuovi mercati con la possibilità di una proiezione internazionale dalla quale non si può più prescindere.

La panoramica sullo scenario internazionale è stata offerta da Claudio Colacurcio – Prometeia Specialist, che ha portato un’analisi molto approfondita sulle dinamiche delle nostre esportazioni, confermando i buoni risultati ottenuti, pur insistendo sulla necessità di concentrarsi sul potenziale inesplorato dei grandi mercati e sulle possibilità di crescita grazie all’e-commerce.

Nicola Lener – Capo Ufficio Internazionalizzazione delle Imprese del Ministero degli Affari Esteri e Cooperazione Internazionale ha guidato la moderazione dei contributi dei rappresentanti di Ice-Sace–Simest, commentando: “Questa terza tappa del Roadshow in Sicilia – dopo Catania e Palermo – tocca un territorio in cui molto si può e si deve ancora fare in termini di sostegno e assistenza per le aziende. In questo ambito, le istituzioni pubbliche e private negli ultimi anni hanno iniziato a fare rete in maniera efficace, nel quadro della Cabina di Regia per l’internazionalizzazione, ma crediamo che anche le aziende debbano fare la loro parte imboccando la strada delle aggregazioni e della crescita dimensionale per migliorare la loro competitività. La Farnesina, dal canto suo, attraverso la rete delle Ambasciate e dei Consolati nel mondo, può fornire un sostegno decisivo alle imprese sia nella fase di avvio che in quella di consolidamento della propria presenza sui mercati esteri, attraverso la condivisione di informazioni strategiche e l’accompagnamento istituzionale per valorizzare e tutelare al meglio gli interessi delle aziende con le autorità locali.”

Gli strumenti di supporto all’internazionalizzazione sono stati presentati da Antonino Laspina – Direttore Ufficio di Coordinamento Marketing Ice-Agenzia, Fabrizio Ferrari – Responsabile Sicilia – Sace, Carlo De Simone – Responsabile Servizio Marketing Territoriale Simest.

Laspina, in particolare, ha sottolineato che “quella di Siracusa è stata la 47esima tappa del Roadshow per l’internazionalizzazione voluto dal Ministero dello Sviluppo Economico e dal Ministero degli Esteri e della Cooperazione Internazionale, realizzata con la collaborazione di organizzazioni territoriali e di rappresentanza delle imprese italiane, ed ha visto Confartigianato nel ruolo di partner prioritario.

Oltre 150 le iscrizioni complessive a questo Roadshow, tra aziende di produzione, servizi, commercio ed intermediazione, che hanno potuto incontrare le organizzazioni presenti, consentendo ad Agenzie come Ice, Sace e Simest di fornire aggiornamenti sugli strumenti pubblici e privati a sostegno dell’internazionalizzazione: servizi di assistenza, promozione, formazione, prodotti e servizi assicurativi e finanziari.

Tra le azioni messe in campo dall’Ice, mi piace ricordare il “Piano Export Sud” che nel triennio 2014-2016 ha coinvolto oltre 2.000 imprese siciliane e che riparte quest’anno con un nuovo ciclo di iniziative di formazione e promozione della durata di quattro anni, destinato specificamente alle Pmi ed il progetto “Alti Potenziali” lanciato in questi giorni e mirato ad imprese di medio-grandi dimensioni.

Più operatività per questa tappa di Siracusa, grazie al complessivo ampliamento dei tempi riservati alla sessione degli incontri individuali: oltre 80 imprese hanno avuto un colloquio con i referenti Ice sui servizi per operare nei mercati esteri, offrendo alle aziende la possibilità di usufruire di pacchetti di assistenza  erogati dagli  uffici Ice all’estero, e di formazione.

Nei quattro anni di realizzazione del Roadshow, un’azienda su due che ha incontrato Ice ha proseguito il percorso intrapreso fruendo di servizi di formazione o di assistenza.

Le aziende partecipanti hanno rappresentato, sostanzialmente, tutto il tessuto economico e produttivo del territorio siracusano e siciliano.”

Vittorio La Placa – Co-Head Retail Business Sicilia di Unicreditha concluso la sessione seminariale, ribadendo il ruolo propulsivo del sistema bancario, che sostiene le imprese nel percorso di crescita e sviluppo.

Il Roadshow “Italia per le Imprese, con le Pmi verso i mercati esteri” – conclude la nota stampa – è patrocinato dal ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ed è promosso e sostenuto dal Ministero dello Sviluppo Economico. Oltre all’Ice-Agenzia, a Sace e a Simest, l’evento si avvale della collaborazione di Confindustria, Unioncamere e di Rete Imprese Italia.

Please follow and like us:
Posted by on 18 maggio 2017. Filed under Cronaca,Economia,In evidenza,Politica,Società. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
24 ⁄ 6 =