Aci Platani / Gioiosa “Festa d’Autunno” nell’Oratorio con i giovani della parrocchia

Dopo l’enorme successo delle precedenti edizioni, anche quest’anno, nella comunità di Aci Platani, sabato 9 e domenica 10 novembre, è andata in scena la tradizionale “Festa dell’Autunno”: forte momento di aggregazione, curato nei particolari dal gruppo giovani della parrocchia, che ha fatto vivere un fine settimana all’insegna della musica, della tradizione, della buona cucina e dello stare insieme nella gioia.

Sabato, i protagonisti sono stati gli adulti e le famiglie: presso l’Istituto delle suore domenicane, serata danzante a cura del maestro Salvo Incardona. Domenica, alle ore 11.30, presso l’Oratorio, è stato il momento dei bambini, con  animazione e vendita di crepes e castagne. Alle ore 20, subito dopo la messa vespertina, serata di musica e degustazione di prodotti tipici autunnali, preparati da mani esperte che hanno ricordato antiche tradizioni locali: castagne, vino, mostarda, panino con salsiccia e prelibate iris. Anche in questo caso il ricavato è stato devoluto per i lavori di messa in sicurezza della chiesa Madre, nella speranza di rivederla presto riconsegnata al culto dei fedeli.

Cogliamo l’occasione per sottolineare come questo momento, vissuto all’insegna della festa, vada inserito all’interno di un progetto più ampio, che vede la comunità sempre in prima linea, alla ricerca di nuove strategie per avvicinare ragazzi, giovani e famiglie alla parrocchia.
Ad Aci Platani, grazie ad un ampio oratorio, è possibile creare momenti di incontro e di convivialità dove si può soddisfare il bisogno di stare insieme nella gioia.  In questi anni, infatti, si sta cercando di ripensare a questa struttura, nella consapevolezza che gli oratori non possono più essere considerati come luoghi di crescita nei valori cristiani solo per ragazzi e bambini, ma come case della comunità, centri giovanili, laboratori di idee, luoghi della progettualità comunitaria, dove tutti, soprattutto i giovani possono sentirsi protagonisti.

Ci dice a questo proposito don Salvatore Coco: «L’Oratorio, ancora oggi ha una grande valenza sociale ed educativa. In questi anni che il Signore mi chiama a vivere l’entusiasmante esperienza di essere parroco di Aci Platani, farò il possibile per modernizzare questa importante struttura, affinchè possa essere, sempre più adeguata ai tempi, alle esigenze della comunità e ai bisogni dei tanti giovani e ragazzi che in essa operano».

Un grazie particolare va a tutti coloro che, nello spirito di servizio, ancora una volta, non hanno fatto mancare il loro impegno ed il loro contributo per la buona riuscita della manifestazione.

L’augurio che vogliamo fare a don Salvatore Coco e agli animatori è che l’oratorio, vero cuore pulsante della parrocchia, che da più di un secolo arricchisce la comunità, possa continuare ad essere, per le nuove generazioni, luogo di aggregazione e di crescita nei valori della vita.

                                                                                                 Giovanni Centamore