Aci Trezza / Domani giornata di studi sulla pianificazione eco-sostenibile e rischio idraulico nel territorio di Acicastello

Sabato 14 aprile, a partire dalle 9, nel salone di “Villa Fortuna” ad Aci Trezza si terrà la giornata di studi “La pianificazione eco-sostenibile e le strategie di mitigazione del rischio idraulico, un caso studio sul territorio di Aci Castello”. Il seminario, promosso dall’assessorato all’urbanistica del Comune di Aci Castello, guidato dal vice sindaco Ezia Carbone, si inserisce nel quadro della convenzione stipulata tra il Comune di Aci Castello e l’Università di Catania finalizzata ad approfondimenti tematici riguardanti il territorio castellese.

Villa Fortuna

Ad aprire l’incontro, moderato da Davide Bonaccorso, – informa una nota del Comune – sarà il sindaco Filippo Drago, mentre la presentazione dei temi verrà affidata all’architetto Antonio Marano responsabile della VI area del Comune di Aci Castello.
Lo scopo della giornata, che prende spunto da una ricerca effettuata dalla dottoressa in architettura Marisa Battiato (relatore il professor Francesco Martinico della facoltà di architettura dell’Università di Architettura di Siracusa), è quello di verificare la possibilità di un diverso approccio metodologico ed innovativo, di carattere multidisciplinare, alla problematica del rischio idraulico non solo sotto il profilo della tecnica ingegneristica, ma anche attraverso l’applicazione di misure eco-sostenibili che possano restituire al territorio del comune marinaro maggiore sicurezza ed anche qualità ambientale.
Gli interventi programmati saranno curati dallo stesso docente accademico, che illustrerà le più recenti metodologie della pianificazione sostenibile, illustrando alcune best practice che potrebbero trovare applicazione ad Aci Castello. Tra i relatori vi saranno inoltre l’ingegnere capo del Genio civile di Catania, Gabriele Ragusa, il capo servizio della Protezione civile del Comune di Aci Castello dottor Simone Castorina, l’agronomo Salvatore Pantò in qualità di esperto in materia di pianificazione agronomico-forestale e dell’ingegner Viviana Pappalardo. Le conclusioni saranno all’architetto Giuseppe Licciardello, esperto in problematiche sui rischi antropici.

 

You must be logged in to post a comment Login