Acireale / Depredato e danneggiato l’asilo nido comunale di via Pascoli. L’assessore D’Anna: “Gesto triste e vile”

E’ stato un inizio dell’anno scolastico amaro per i piccoli ospiti, per i loro genitori e per tutto il personale dell’Asilo nido comunale Sacro Cuore di Acireale. Così esordisce la nota dell’ufficio stampa del Comune acese sul caso della preziosa struttura di assistenza sociale sita in via Pascoli.asilo-nido-corretta-2

Stamattina, all’apertura, gli ausiliari hanno fatto la brutta scoperta e chiamato subito la responsabile del Settore Servizi Sociali, Giulia Cosentini, che è subito accorsa e ha avvisato i carabinieri.

L’asilo nido è stato depredato e anche danneggiato. I ladri hanno portato via materassi dalla sala culle, tappetoni dalla sala giochi, coperte di lana e lenzuola. Hanno danneggiato una porta antipanico, gli armadietti delle maestre e dei pensili della cucina, tagliato i fili del telefono e dell’orologio marcatempo.

«E’ stato un gesto triste e vile, testimonianza dell’inciviltà con cui siamo costretti a convivere. Il danno economico non è elevato, ma il disagio è tanto. – Questo il primo amaro commento dell’assessore comunale alle Politiche sociali, Adele D’Anna -. Tutto dovrà essere sistemato e ripulito prima di riaccogliere i bambini e non potremo farlo prima di giovedì. Qualche balordo evidentemente ha voluto danneggiare una delle nostre scuole, recentemente riqualificata e abbellita e creare disagi ai nostri bambini e alle loro famiglie. Sabato il personale dell’asilo aveva organizzato una meravigliosa festa dell’accoglienza per dare il benvenuto ai 34 bambini iscritti ed era tutto in ordine – spiega l’assessore -. Ci auguriamo che episodi del genere non si verifichino più, ma evidente dovremo implementare il sistema di sicurezza dell’asilo. Ringraziamo i carabinieri che sono subito intervenuti, e che ci hanno assicurato maggiore vigilanza».

 

Please follow and like us:
Posted by on 12 settembre 2016. Filed under Acireale,Comuni,Cronaca,In evidenza. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
28 × 26 =