Acireale / Domani a S. Sebastiano esecuzione dello “Stabat Mater” di Pergolesi. L’ensemble “Quinquies domina” e le soliste Rosanna Leonti e Maria Motta esecutori d’eccezione

Domani, domenica 20 marzo, alle ore 20, ad Acireale, nella Basilica di S. Sebastiano, sarà eseguito lo Stabat Mater di Giovanni Battista Pergolesi, su testo di Jacopone da Todi. Esecutori d’eccezione la piccola orchestra Quinquies domina ensemble”  e le voci soliste di Rosanna Leonti- soprano e Maria Motta – mezzosoprano, con la direzione musicale del m.° Vera Pulvirenti.corre Stabat Mater (300 x 422)
I club service di Acireale (Fidapa, Kiwanis, Lions, Rotary e Serra), che promuovono la manifestazione nella ricorrenza della Santa Pasqua, spiegano nel depliant approntato per l’occasione come l’iniziativa tragga ispirazione nella settimana Santa dal dolore della Madonna per la morte in croce del suo unico figlio.  “Accostando – si legge nella nota – il dolore di Maria a quello di tante madri che, ai giorni nostri, soffrono per la tragica perdita dei loro figli: la madre che ha perduto il figlio ucciso dalla droga, vittima di una società smarritasi dietro i miti effimeri del benessere… la madre che ha visto il proprio figlio spegnersi lentamente per la fame, nel paese del terzo mondo sfiancato dalla carestia… la madre del figlio morto nel naufragio della “carretta del mare”, carica di intere famiglie di disperati, in fuga dalla loro terra con la speranza di una vita migliore…
Varie morti, diverse, ma allo stesso tempo simili, perché effetto di un modello di sviluppo che sembra allontanare da sé il senso della solidarietà e della giustizia. Come Maria sotto la croce, sono madri schiantate dalla  disperazione, straziate come solo una madre può esserlo, smarrite e sole. Tante madri, un unico dolore, tanti volti, ma un unico pianto”.La serata, presentata dal prof. Giovanni Vecchio, si concluderà con l’intervento di mons. Paolo Urso, vescovo emerito di Ragusa.

G.M.

Please follow and like us:
Posted by on 19 marzo 2016. Filed under Acireale,Cronaca,Cultura,In evidenza. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
36 ⁄ 18 =