Acireale / “Journalist@Work”: il progetto che riunirà per uno scambio culturale i ragazzi di 8 paesi europei

 

Alcuni ragazzi impegnati in un precedente progetto di scambio culturale

Alcuni ragazzi impegnati in un precedente progetto di scambio culturale

Un’Europa unita che ha fiducia in un futuro di cooperazione senza barriere: i protagonisti che credono e che intendono costruire questo sogno saranno più 40 ragazzi tra i 18 ed i 35 anni di 8 diversi paesi dell’Unione Europea che, attraverso il progetto “Journalist@Work” ideato dal gruppo informale GiovanEuropa in collaborazione con M.O.D.A.V.I, si confronteranno sui temi del giornalismo allo scopo di favorire un vero e proprio scambio culturale. Armenia, Azerbaijan, Bulgaria, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Turchia ed Ucraina sono i paesi coinvolti nel progetto, finanziato con i fondi europei Erasmus+, che tratterà le basi del giornalismo, ma anche temi quali la libertà d’informazione, l’evoluzione del giornalismo online, avviando un confronto anche con i blog ed i social network, e come i giovani si rapportano con l’informazione: dove reperiscono le notizie, come riconoscere le adeguate fonti e come comportarsi nei confronti delle fake news. I ragazzi non saranno impegnati in lezioni frontali, come ci spiega Orazio Fiorini, coordinatore del gruppo GiovanEuropa, ma verranno stimolati al confronto ed al dibattit11148776_1624044057861293_6446671988878619453_no attraverso il lavoro di gruppo; saranno, inoltre, chiamati in prima persona alla realizzazione di articoli da pubblicare su una piattaforma online appositamente creata per il progetto. Non solo teoria, dunque, ma una vera messa in pratica
delle nozioni di giornalismo che apprenderanno nel corso del progetto. “Journalist@Work” prenderà il via mercoledì 13, giorno in cui i ragazzi provenienti dagli otto paesi europei arriveranno in Sicilia e verranno ospitati in un albergo di Acitrezza dove trascorreranno la maggior parte del tempo impegnati con le varie attività. L’obiettivo, oltre al focus sull’informazione, sarà quello di favorire l’incontro e lo scambio culturale: il progetto, come gli altri attivati dalle stesse associazioni prima di lui, offrirà l’opportunità di cimentarsi nel mondo del giornalismo, ma lavorerà, nello specifico, per cercare di favorire uno spirito di cooperazione e comunità.

Andrea Viscuso