Acireale / La “Nivarata”, festival della granita siciliana, coinvolgerà la città nei giorni 3, 4 e 5 giugno. Si prevede una massiccia partecipazione

Fervono i preparativi per la quinta edizione della “Nivarata”, il festival della granita siciliana che sta diventando una tradizione per Acireale. Venerdì 3 giugno si alzerà il sipario su una manifestazione che si prevede già ricca e articolata e con molte novità.

programma 2016 copiaC’è intanto da registrare il ritorno in piazza Duomo, il salotto barocco della città, con un coinvolgimento maggiore di tutto il centro storico. Confermata poi e rafforzata la connotazione internazionale della manifestazione, con il gemellaggio, per il terzo anno consecutivo, tra la Nivarata e la città britannica di Brighton, dove si svolge una delle più importanti manifestazioni enogastronomiche di tutta l’Inghilterra: il Brighton & Hove Food and Drink Festival; verranno esposti ad Acireale alcuni prodotti tipici della cittadina inglese, che faranno anche da protagonisti all’anteprima che si terrà la sera del 2 giugno presso la pizzeria “Frumento” di piazza Mazzini, con le creazioni culinarie dello chef Kieron James (di origine australiana e già concorrente di Masterchef UK) e del gelatiere Seb Cole. Altra innovazione da considerare quest’anno è la scelta dei gelatieri acesi, i quali hanno lasciato il ruolo di concorrenti agli ospiti esterni, mentre loro si concentreranno in un unico stand in cui sarà possibile degustare, fuori concorso, le granite tipiche di Acireale, anzitutto quella alla mandorla realizzata secondo un disciplinare identificativo che ne esalti le caratteristiche dell’antica tradizione.

Il totem della manifestazione installato in piazza Duomo

Il totem della manifestazione installato in piazza Duomo

Saranno tre le competizioni a cui sono chiamati a partecipare i concorrenti, e cioè: “Granita dell’anno”, aperta alla creazione di nuovi gusti, selezionati dalla giuria popolare e da una giuria tecnica; il premio “Don Angelino”, intitolato al celebre granitiere acese della metà del secolo scorso Angelino Trovato, e riservato alla migliore lavorazione di un gusto classico di granita, a giudizio di una giuria tecnica; ed il premio “Caviezel”, che andrà a chi preparerà il miglior gelato artigianale nel gusto assegnato da una apposita giuria tecnica; anche questo riconoscimento trae il nome da un importante rappresentante della gelateria artigianale italiana, il catanese Lucas Caviezel (che sarà presente alla manifestazione), erede di quei Caviezel (di origine svizzera) titolari di una famosa pasticceria-gelateria storica di Catania.

Numerosi e qualificati ospiti si alterneranno inoltre sul palco di piazza Duomo nel corso delle tre giornate per incontri, conferenze, dimostrazioni: maestri gelatieri del calibro di Arnaldo Conforto, Ruben Pili, Giuseppe Rizza, Roberto Lobrano, Antonio Mezzalira e Francesco Patanè, oltre ai già citati ospiti stranieri Seb Cole e Kieron James; ed ancora gli chef Fabio Lopez e il siciliano Nicola Scaccianoce, e lo storico Luigi Romana. Saranno inoltre presenti la ricercatrice Enrica Laprocina (del “Natural History Museum” di Londra), lo psicologo Salvo Noè, la stilista Mariella Gennarino, l’hair stylist Salvo Filetti e gli imprenditori Giuseppe Benanti, Mario Faro e Luciano Privitera.

Ma ci sarà spazio anche per lo spettacolo e per la solidarietà. Venerdì 3 giugno alle 20,30 si terrà infatti il talk show “Una granita con… Il racconto del territorio tra sfida e opportunità”, con numerosi ospiti illustri, a cui farà seguito, alle 21.30, lo spettacolo di solidarietà “La granita buona che fa bene anche agli altri”, dedicato alla sensibilizzazione sulle neoplasie alla tiroide e animato dall’orchestra di fiati “Gaetano Miraglia” di Acireale. Sabato 4 giugno alle ore 21.00, invece, il palco di piazza Duomo ospiterà lo spettacolo/laboratorio “Ho trovato dell’H2O nella mia granita”, alla scoperta della scienza in cucina con il gelatiere inglese Seb Cole e la collaborazione tecnica di Enrica Laprocina.

Ai momenti più importanti della manifestazione sarà presente anche il sindaco Roberto Barbagallo; una presenza istituzionale doverosa, dal momento che il Comune di Acireale ha dato il proprio patrocinio ed ha fornito il supporto tecnico alla manifestazione, organizzata da “Progetti Collaterali” e “Studio Muse”.

Stand in corso d'allestimento

Stand in corso d’allestimento

Durante i giorni della manifestazione sarà inoltre allestita, nel foyer del teatro “Bellini” di via Romeo, la “Mostra storica della granita”, visitabile tutti i giorni dalle ore 10.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 22.00, mentre in piazza Duomo si potrà visitare dalle 17.00 alle 23.00 una mostra-concorso fotografico e in via Ruggero Settimo sarà presente una esposizione di prodotti tipici dell’artigianato locale. I turisti potranno inoltre visitare i principali musei esistenti nel centro storico, e cioè il Museo delle Uniformi Storiche nel Palazzo di città, il Museo di San Sebastiano presso l’omonima basilica, il Museo dell’Opera dei Pupi in via Alessi, la Biblioteca-Pinacoteca “Zelantea” in via Marchese di Sangiuliano, oltre alle principali chiese e basiliche storiche, anche con l’ausilio di guide qualificate, dietro prenotazione. Allo stesso modo sarà possibile fare una passeggiata per la “Via della marina”, lungo il percorso naturalistico delle “Chiazzette”. Il servizio e l’accoglienza saranno curati dagli alunni degli istituti alberghieri “Falcone” di Giarre, “Chinnici” di Nicolosi e “Medi” di Randazzo.

Come si vede, saranno tre giornate indimenticabili da vivere intensamente, un evento culturale e turistico che sicuramente coinvolgerà migliaia di partecipanti e di turisti come negli anni passati. L’organizzazione ha infatti intenzione di replicare e superare, in questa quinta edizione, i “grandi numeri” del 2015, quando si contarono oltre 110 mila visitatori e la partecipazione di centinaia tra aziende, associazioni, istituzioni e gelatieri internazionali.

Nino De Maria