Acireale / “Vetrine d’arte”, l’iniziativa che voleva rendere più decoroso il centro cittadino

“Vetrine d’arte” è un’iniziativa intrapresa in base al protocollo d’intesa stipulato tra il Comune di Acireale e l’Istituto scolastico superiore “Filippo Brunelleschi”, avendo come tramite l’Assessorato comunale al turismo.

Stand e folla in piazza Duomo

Il progetto, realizzato in concomitanza con la 96^ “Fiera dello Jonio”, che si è tenuta tra le vie del centro storico dall’1 al 10 settembre, aveva lo scopo di indirizzare l’attenzione degli acesi verso le botteghe sfitte e abbandonate tra il corso Umberto ed il corso Savoia, abbellendole con delle opere realizzate dagli studenti del Liceo artistico.
L’assessore al Turismo, Salvatore Pirrone, in un comunicato stampa e all’indomani della conclusione di “Vetrine d’arte”, dichiara di aver ricevuto critiche costruttive e non, rivolte anche ai volontari che hanno partecipato. Lo scopo del progetto era quello di consapevolizzare i proprietari delle botteghe abbandonate riguardo alla necessità di rendere più decorose le aree urbane.
A quanto dichiarato dall’assessore, però, il messaggio non è arrivato a destinazione e, tramite lo stesso comunicato, Pirrone informa che nei prossimi giorni chiederà “ai vigili urbani di applicare le sanzioni previste dal caso che ovviamente, non potranno essere una tantum, ma ripetute fino ad ottenere l’effetto di decoro di cui necessita la Città”.

You must be logged in to post a comment Login