Aci Trezza / Conclusi i festeggiamenti di San Giovanni Battista. Niente fuochi e banda, ma un’offerta per i terremotati del centro Italia

Si sono concluse ieri ad Aci Trezza le celebrazioni in memoria del martirio di San Giovanni Battista. Come da tradizione – si legge in un comunicato – l’intero paese si è stretto attorno al simulacro del santo patrono per la preghiera silenziosa con il via vai incessante dalla chiesa Madre, dove dalle prime ore del mattino è stato esposto sull’altare maggiore. corret san giovanni battista - 2016

Al tramonto, poi, l’effigie lignea del Battista è stata portata in processione fino al sagrato della chiesa dove il parroco don Giovanni Mammino ha presieduto la santa messa solenne animata dalla corale parrocchiale “Te Deum laudamus” diretta da Marisa Hili, durante la quale è stato osservato un momento di silenzio per ricordare le vittime del terremoto che nei giorni scorsi ha colpito il centro Italia.

E proprio per esprimere cordoglio e vicinanza alle popolazioni colpite, la confraternita San Giovanni Battista e le commissioni festeggiamenti San Giovanni Battista e Madonna della Buona Nuova, hanno deciso di annullare lo sparo di fuochi d’artificio e l’esibizione del corpo bandistico, stabilendo di inviare un sostegno economico.

Al termine della celebrazione si è tenuta la presentazione della commissione per i festeggiamenti in onore di San Giovanni  per l’anno 2017, composta dallo stesso parroco in qualità di presidente, dal governatore Giovanni Valastro, dal segretario Giuseppe Buzzurro, dall’economo Giovanni Greco, dai membri onorari Mario D’Ambra e Salvatore Fichera e dai consiglieri Giovanni Belfiore, Davide Bonaccorso, Alfio Castorina, Giuseppe Castorina, Luciano Conti, Orazio Conti, Salvatore Conti, Salvatore D’Ambra, Mario Finocchiaro, Antonino Grasso, Carmelo Nastasi, Ignazio Patanè, Giuseppe Privitera, Giuseppe Valastro, Mario Valastro, Rosario Valastro, nonchè i membri associati Francesco Valastro e Giuseppe Conti.

 

You must be logged in to post a comment Login