Allarme bambini in Siria. Iacomini (Unicef Italia): “Strage di innocenti con i gas nervini”

(21-8-2013) “Mai come in questo momento occorre verificare con molta prudenza e attenzione la notizia diffusa quest’oggi sull’uccisione di civili, tra i quali molti bambini innocenti, da parte delle forze governative siriane nei pressi di Damasco, attraverso l’uso di gas nervini”.

Profughi in Siria, costretti a fuggire per non morire

Profughi in Siria, costretti a fuggire per non morire

Lo dichiara Andrea Iacomini, portavoce dell’Unicef Italia. “Non sarebbe la prima volta che si parla dell’uso di armi chimiche da parte di una o l’altra delle parti in conflitto – prosegue Iacomini -. Se fosse vero sarebbe l’ennesima tragedia che si somma ad oltre 800 giorni di tragedie per i bambini siriani che non ci stancheremo mai di ‘gridare’ a squarciagola, hanno subito torture, violenze, uccisioni ed hanno dovuto lasciare le loro case per fuggire nei paesi limitrofi”.

Per il portavoce dell’Unicef Italia, “è una catastrofe che non gode neanche dell’interesse e della generosità delle persone perché ‘macchiata’ erroneamente da pregiudizi religiosi, geografici, storici, politici spesso dettati da ignoranza e cattiva informazione”. È “una guerra invece quella siriana che ha visto morire oltre 100mila persone, di cui 7000 bambini e prodotto quasi 2 milioni di rifugiati. Basta stragi di innocenti, basta con un conflitto assai peggiore delle guerre in Bosnia e Ruanda”, conclude.

(Fonte: SIR)

Please follow and like us:
Posted by on 22 agosto 2013. Filed under Cronaca,Primo piano,Società,Solidarietà. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
12 − 11 =