Calcio / Italia “matata” a Madrid: la Spagna vince 3-0

Il 2-0 di Isco

Doveva essere la dimostrazione della coerenza e della forza delle idee, una sorta di prova del fuoco contro la nazionale che ormai da un decennio sciorina il miglior calcio del pianeta: la partita del Santiago Bernabeu tra Spagna e Italia, purtroppo, ha solo sancito l’evidenza di come tra le due squadre esista ancora un gap tattico e tecnico che sarà difficile (se non impossibile) colmare da qui ai Mondiali di Russia 2018. Un 3-0 netto e senza appello, maturato in buona parte già nel primo tempo con la doppietta di Isco: una punizione al 13′, su cui peraltro Buffon non è apparso esente da colpe, e un tiro in buca d’angolo a fine frazione.

In una ripresa in cui un undici azzurro timido e confuso produce ancora meno, la Spagna fa accademia, amministra e mette in mostra la classe dei suoi gioielli: Asensio è ormai al livello dei migliori al mondo, Isco in quest’ultimo anno è cresciuto in maniera esponenziale. Il 4-2-4 di Ventura regala agli spagnoli un uomo in più a centrocampo (come se ne avessero bisogno): considerando l’assenza di veri e propri interditori in mezzo, risulta difficile poter innescare i quattro moschettieri lì davanti. Belotti e Immobile, poi, hanno le polveri bagnate: Insigne e Candreva si dannano l’anima, ma in una squadra che mostra segnali evidenti di scollamento e anarchia tattica non si può fare molto. Il 3-0 di Morata certifica una superiorità netta. «Noi siamo umani, loro di meno»: questa la frase, laconica, pronunciata dal ct Ventura a fine gara, cartina di tornasole della differenza tra la roja e gli azzurri ieri sera al Bernabeu.

La Nazionale italiana è dunque rimandata al match di martedì prossimo con Israele: gara in cui sarà fondamentale ritrovare i tre punti e la fiducia. I playoff di novembre, oramai, sembrano l’orizzonte certo di capitan Buffon e compagni: è bene arrivarci al massimo, cercando di recuperare gli uomini cardine (gli infortunati Chiellini e Marchisio) e pensando a possibili variazioni dello spartito tattico. La Russia, ancora, è tutta da conquistare.

Il tabellino:

SPAGNA-ITALIA 3-0

MARCATORIIsco al 13′ e al 40′ p.t.; Morata al 32′ s.t.
SPAGNA (4-3-3): De Gea; Carvajal, Piqué, Ramos, Alba; Koke, Busquets, Iniesta (dal 27’ s.t. Morata); Asensio (dal 34’ s.t. Saul), Silva, Isco (dal 44’ s.t. Villa). (Arrizabalaga, Reina, Nacho, Azpilicueta, Monreal, Alcantara, Saul, Pedro, Deulofeu, Aspas). C.t.: Lopetegui.
ITALIA (4-2-4)Buffon; Darmian, Barzagli, Bonucci, Spinazzola; Verratti, De Rossi; Candreva (dal 25’ s.t. Bernardeschi), Belotti (dal 25’ s.t. Eder), Immobile (dal 33’ s.t. Gabbiadini), Insigne. (Donnarumma, Perin, D’Ambrosio, Rugani, Conti, Astori, Pellegrini, Parolo, El Shaarawy). C.t.: Ventura.
ARBITRO: Kuipers (Olanda).
Ammoniti Verratti e Bonucci per gioco scorretto. Recupero: 0’ p.t.; 2’ s.t.

 

Giorgio Tosto

Please follow and like us:
Posted by on 3 settembre 2017. Filed under In evidenza,Sport. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
16 × 20 =