Catania / Al Cannizzaro incontro promosso dai nefrologi sulla Giornata europea della donazione degli organi

Pubblichiamo il Comunicato stampa del 10-10-2014 dell’Ufficio stampa dell’Azienda Ospedaliera Cannizzaro dal titolo: “ORGANIZZATO DAL “CANNIZZARO” NELL’AMBITO DEL CONGRESSO NAZIONALE SIN. Giornata europea della donazione degli organi domani a Catania incontro promosso dai nefrologi”.

Domani, 11 ottobre, Giornata europea della donazione degli Organi, dalle ore 14.30 alle 18.30 circa, nel Salone Bellini di Palazzo degli Elefanti, si terrà un incontro sulla donazione d’organi, nell’ambito del Congresso nazionale della Società Italiana di Nefrologia in corso a Catania, organizzato dalla Divisione di Nefrologia, dialisi e trapianto dell’Azienda ospedaliera Cannizzaro. Dopo i saluti del Sindaco Enzo ospedale-cannizzaroBianco e dell’Arcivescovo mons. Salvatore Gristina, l’introduzione sul tema “La donazione d’organo: indicatore fondamentale della qualità del Sistema Sanitario Nazionale” sarà affidata al prof. Domenico Di Landro (presidente del comitato organizzatore locale del Congresso e direttore della Divisione di Nefrologia, dialisi e trapianto del Cannizzaro). I successivi interventi affronteranno gli aspetti della cultura della donazione e del ruolo del volontariato, del trapianto del rene, delle possibilità di incrementare il reperimento di organi.

L’incontro sulla donazione sarà uno dei momenti conclusivi del Congresso nazionale della Sin, cominciato mercoledì sera con la cerimonia al Teatro Massimo Bellini, alla quale sono intervenuti tra gli altri, oltre al prof. Di Landro, il sindaco Bianco, il Dirigente Generale del Dipartimento regionale Attività sanitarie e Osservatorio epidemiologico Ignazio Tozzo, il rettore dell’Università di Catania Giacomo Pignataro, il presidente della Società italiana di nefrologia Giovambattista Capasso, il presidente della Fondazione italiana rene Alessandro Balducci.

Nel corso delle sessioni scientifiche, tenute alle Ciminiere, sono state illustrate le nuove terapie in campo nefrologico. Uno degli aspetti più interessanti riguarda l’applicazione delle cellule staminali per la rigenerazione di tessuto renale: «Sono già in corso numerosi studi sperimentali con l’uso di sistemi di scaffold, sorta di trame di tessuto sulle quali si impiantano le cellule per rigenerare il tessuto renale. Nel caso del cuore e di altri organi – osserva Di Landro – questo processo apparirebbe più facile in quanto si tratta di un numero più limitato di cellule, mentre nel rene la differenziazione, che avviene per circa 30 tipi di cellule, crea maggiori problemi». Le prospettive della disciplina riguardano anche il rene artificiale impiantabile, per ora esistente solo a livello di prototipo, che si indossa come una bisaccia e funziona costantemente, a differenza della dialisi che dura solo poche ore. Nel corso del congresso, non sono mancati neanche i riferimenti all’emergenza immigrazione, in quanto fra gli immigrati di origine centro e nordafricana si registra un’incidenza maggiore di insufficienza renale acuta dovuta a disidratazione e infezioni che rimangono a lungo latenti. Inoltre è stata messa in evidenza la necessità di una sinergia organica fra la nefrologia altre discipline quali urologia, cardiologia, medicina interna, scienze di base.

Il Congresso della Sin (www.sin2014.it) si concluderà domenica mattina con la “ciclo pedalata” che partirà alle ore 9 da Piazza Università e si concluderà in Piazza Mancini Battaglia, volta a sensibilizzare alla donazione degli organi.

L’Uffico stampa

Please follow and like us:
Posted by on 11 ottobre 2014. Filed under Cronaca,Cultura,In evidenza,Note di servizio,Salute,Società. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
23 + 26 =