Catania Calcio / Pancaro: “Chiedo alla squadra grande umiltà e massima convinzione”

PancaroPrima gara per il Catania nella nuova realtà della Lega pro. A Matera i rossazzurri sono chiamati ad iniziare ad azzerare il “gap” dei punti di penalizzazione. Mister Pancaro in Sala Conferenze a Torre del Grifo analizza i temi della partita: “Dobbiamo pensare esclusivamente alla partita ed a farci trovare pronti al fischio d’inizio, sarà una sfida difficile contro una squadra di valore, che viene da una sconfitta in trasferta ed ha grandi motivazioni. Sono assolutamente contento dell’organico messo a disposizione dalla società; alla luce della penalizzazione siamo consapevoli di dover fare un’impresa, la salvezza, ma la nostra è una squadra molto forte che potrà fare quest’impresa. Mi aspetto un Catania compatto nelle due fasi e capace di calarsi nella realtà della categoria, con fame, cattiveria agonistica e determinazione. Non siamo al 100% ma c’è voglia di sacrificarsi per il compagno, spirito di gruppo e qualità, cioè tutto ciò che serve a sopperire al ritardo accumulato rispetto alle squadre che hanno 180 minuti di gioco in più nelle gambe, importanti in termini di ritmo ed intensità. Non mi piace piangermi addosso: abbiamo voglia, forza e personalità da mettere in campo. Partendo dal presupposto di un grandissimo rispetto per l’avversario, a maggior ragione per il Matera reduce da una stagione importante, cercheremo di vincere, sempre. E la partita più importante sarà sempre quella del presente: non pensiamo a nulla di diverso dalla gara col Matera. Non guarderemo la classifica almeno fino a febbraio, se non a marzo. Chiedo al gruppo grande umiltà e convinzione, un senso d’appartenenza speciale perché indossiamo la maglia di una squadra blasonata, per una grande città. Servono valori importanti, in Lega Pro, per fare emergere le qualità. Il Capitano? Comunicherò prima la scelta ai ragazzi. Cosa manca? Serve tempo per migliorarci e capire i meccanismi. La panchina lunga? Un fattore positivo, certamente”.