Città Metropolitana di Catania / Protezione civile, arriva il sistema GECOS per la gestione completa delle emergenze

Presentata nella sede della Città Metropolitana di Catania la  piattaforma che include il software, le APP, le infrastrutture di rete fissa, mobile e satellitare, le infrastrutture di Data Center remoto e l’allestimento delle Sala Operative con sistemi di videocomunicazione, video wall e smartphone. Il sindaco Bianco: «Per affrontare al meglio qualsiasi tipo di emergenza occorre innanzitutto fare squadra, collaborando nei diversi livelli istituzionali».
Nell’aula della conferenze del Centro Direzione della Città Metropolitana di Catania – che informa con una nota stampa – si è svolta la presentazione di piano della Protezione Civile, G.E.Co.S. (Gestione Emergenze e Comunicazione Sicilia) che ha l’obiettivo di consentire la gestione operativa completa di eventi, emergenze, risorse e missioni sull’intera area geografica della Regione siciliana. Presenti il sindaco metropolitano Enzo Bianco, il segretario generale dell’Anci Sicilia Mario Emanuele Alvano e il dirigente generale del DRPC, Calogero Foti. Presenti le amministrazioni comunali del territorio della Città Metropolitana di Catania con numerosi sindaci.
«L’incontro di oggi – ha detto il sindaco Bianco – non è stato un convegno ma un riunione operativa. Il nostro è un territorio molto complesso con una serie di rischi che vanno da quello idrogeologico a quello degli incendi. Per affrontare al meglio qualsiasi tipo di emergenza occorre innanzitutto fare squadra, collaborando nei diversi livelli istituzionali.
In questo ambito la Città Metropolitana può dare una mano specie in una conurbazione fitta come la nostra dove non c’è soluzione di continuità tra un comune e l’altro. Identifichiamo delle aree omogenee per realizzare un programmazione che possa affiancare i piani comunali di Protezione Civile. Bisogna – ha concluso il Sindaco Metropolitano – anche innalzare il livello di attenzione e conoscenza dell’opinione pubblica attraverso esercitazioni che possano insegnare i corretti comportamenti in caso di emergenza».
La piattaforma G.E.Co.S. include il software, le APP, le infrastrutture di rete fissa, mobile e satellitare, le infrastrutture di Data Center remoto e l’allestimento delle Sala Operative con sistemi di videocomunicazione, video wall e smartphone.

Il sistema è completamente interoperabile e consente a tutti i soggetti coinvolti nella gestione dell’emergenza di avere una visione geografica condivisa della situazione in atto, dei mezzi in campo e dell’evoluzione delle criticità. La piattaforma illustrata favorisce la comunicazione e agevola l’interazione nei processi di Protezione Civile del Sistema Regionale, ossia: – la Sala Operativa Regionale di Protezione Civile (SORIS) – i Dipartimenti Provinciali di Protezione Civile della Regione Sicilia – le Amministrazioni (Comuni, Regione, Città metropolitane e/o Liberi Consorzi comunali) e Prefetture – le Organizzazioni di Volontariato – le componenti Operative o altri Enti quali il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, il Corpo Forestale, Forze dell’Ordine, etc.

Nel corso dei vari interventi è stato sottolineato come le componenti e le strutture del sistema regionale di protezione civile concorrano per i diversi ambiti di competenza e responsabilità, nelle attività di
previsione e prevenzione dei rischi, soccorso alle popolazioni colpite e soccorso in emergenza.
E’ stato quindi ribadito che la Protezione civile infatti non è un compito assegnato a una singola amministrazione, ma una funzione attribuita a un sistema complesso nel quale fanno parte lo Stato, le Regioni, le Province e i Comuni, nel rispetto del principio di sussidiarietà. Va da sé che la prima risposta del Sistema, deve essere garantita dalla struttura comunale, quale istituzione più vicina al cittadino.
Poiché il territorio della Sicilia è esposto a diverse tipologie di rischi naturali, dalle conclusioni si impone dunque la necessità di coordinare e potenziare le attività delle singole componenti del Sistema regionale di protezione civile, ai fini di una più efficace tutela dell’incolumità pubblica e privata. Essendo indispensabile mettere a  disposizione dei Comuni strumenti di supporto nella gestione delle emergenze e nella predisposizione o nell’aggiornamento dei Piani Comunali di Protezione Civile conformi alle Linee guida regionali ecco
che si mette a disposizione il sistema G.E.Co.S..

 

 

Please follow and like us:
Posted by on 27 marzo 2017. Filed under Catania,Comuni,Cronaca,In evidenza,Scienze & Tecnologie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
22 ⁄ 1 =