Consiglio d’Europa / “Il ruolo delle religioni decisivo per prevenire le radicalizzazioni”. Monito sulla situazione in M.O.

L’italiana Gabriella Battaini Dragoni è la vicesegretaria generale: “Lanciato un piano che prevede misure di carattere giuridico e sociale”. Sul fenomeno dei foreign fighters, previsti “controlli per prevenirne la partenza verso i paesi del Medio Oriente, maggiore scambio di informazioni tra servizi di sicurezza e di intelligence nazionali, modalità di loro sorveglianza una volta rientrati”

La promozione del ruolo delle religioni nel dialogo interculturale, la lotta alla radicalizzazione e all’estremismo violento, la cooperazione con i Paesi del Mediterraneo e del Medio oriente, la articlepstabilizzazione della Libia. Sono alcuni dei temi in agenda al Consiglio d’Europa. Abbiamo incontrato la vicesegretaria generale Gabriella Battaini Dragoni – nei giorni scorsi a Roma per due convegni organizzati con la Camera dei deputati e un incontro con la Comunità di Sant’Egidio – e che ha presieduto a Strasburgo un seminario promosso dalla Missione permanente della Santa Sede presso il CdE in preparazione all’edizione 2015 degli incontri sulla “dimensione religiosa del dialogo interculturale” (Sarajevo 8 e 9 settembre).
Quale valore attribuisce il Consiglio d’Europa alle religioni?
“Da diversi anni ci siamo resi conto dell’importanza di coinvolgere i rappresentanti delle religioni e delle organizzazioni di atei e agnostici per facilitare un dialogo reciproco sui diritti e il rispetto delle diverse scelte al fine di contribuire, ritrovandosi sui valori fondamentali contenuti nella Convenzione europea dei diritti dell’uomo, a costruire un progetto di società ‘inclusivè anche attraverso gli strumenti dell’educazione e del dialogo interculturale. Il CdE ha appena lanciato un piano per la lotta contro la radicalizzazione, e l’incontro di Sarajevo sarà particolarmente significativo perché cade in questa cornice”.
Che cosa prevede questo piano?
“Misure di carattere giuridico e sociale, partendo dalla Convenzione sulla prevenzione del terrorismo e dal Protocollo aggiuntivo adottato dal Comitato dei ministri lo scorso 19 maggio contro il fenomeno specifico dei foreign fighters. Previsti controlli per prevenirne la partenza verso i paesi del Medio Oriente, maggiore scambio di informazioni tra servizi di sicurezza e di intelligence nazionali, modalità di loro sorveglianza una volta rientrati nelle rispettive nazioni. Il nostro compito è fare sì che la sicurezza non sia a scapito della democrazia o dei diritti umani; occorre trovare un bilanciamento tra le due istanze. Risulta inoltre sempre più importante prevenire la radicalizzazione nelle carceri: in diversi paesi, e in particolare in Francia, alcuni entrano in carcere per piccoli reati e ne escono radicalizzati”.
Che cosa può fare la scuola in termini di prevenzione?
“Moltissimo. Abbiamo elaborato al riguardo un programma triennale d’impegno: occorre creare attraverso l’insegnamento un modo di parlare della nostra storia, cultura e società rispettoso di altre culture per evitare stigmatizzazioni e senso di esclusione che espongono al rischio di manipolazioni fondamentaliste, ma dobbiamo anche interrogarci su come riusciamo ad integrare nelle nostre società le diverse comunità. Le nostre convenzioni sono aperte ai paesi di vicinato. Se accetteranno di ratificare il Protocollo, potremo fare un passo avanti creando uno spazio giuridico comune di lotta contro il terrorismo e il fenomeno dei foreign fighters. In questo impegno di prevenzione appare strategico anche il ruolo delle diverse espressioni religiose e dei loro leader come filtro e mediatori di messaggi”.
Intanto ha preso il via in Marocco, sotto l’egida dell’Onu, una nuova sessione di negoziati sulla Libia…
“Da anni il Consiglio d’Europa promuove la politica di vicinato con la sponda sud del Mediterraneo e con il Medio Oriente. A seguito delle primavere arabe abbiamo offerto assistenza e sostegno a Marocco, Tunisia e Giordania. Per quanto riguarda la Libia, spaccata tra il governo di Tobruk riconosciuto dalla comunità internazionale e i filoislamici di Tripoli, abbiamo tentato di avere contatti con le autorità legittime per discutere delle loro riforme costituzionali, giacché la costituzione è la colonna vertebrale di un paese. Dobbiamo tuttavia constatare che se da una parte c’è uno sforzo internazionale enorme per aiutare i libici a sedersi intorno a un tavolo e trovare un compromesso necessario partendo dal presupposto che la situazione non può essere risolta in modo militare ma attraverso una negoziazione, avvertiamo che all’interno della Libia agiscono parti più favorevoli al confronto militare per imporsi sulle altre. Speriamo di intravedere di qui a fine mese qualche spiraglio di soluzione”.
A conclusione di questa visita in Italia, il suo Paese, che cosa, in particolare, porta con sé?
“Mi ha colpito l’incontro con la Comunità di Sant’Egidio e il suo impegno per migranti, profughi e richiedenti asilo. Stiamo pensando ad un suo coinvolgimento nelle nostre iniziative sulla dimensione religiosa del dialogo interculturale. Ho apprezzato molto anche un’iniziativa presentata il 4 giugno in Senato da un gruppo parlamentare per dare voce ai ‘Giusti del Mediterraneo’: cittadini che si dedicano volontariamente a salvare vite umane in mare: soccorrono, curano e sostengono i profughi, si preoccupano di identificare tramite il Dna i corpi delle vittime, di recuperare quando è possibile i contatti con le famiglie, di dare loro degna sepoltura. Occorre fare sentire questo messaggio che è anche quello del Papa: la globalizzazione della solidarietà contro quella dell’indifferenza”.
Giovanna Pasqualin Traversa
Please follow and like us:
Posted by on 11 giugno 2015. Filed under Europa,In evidenza,Religioni. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
24 ⁄ 4 =