Diocesi / Firmati i contratti per interventi di restauro delle chiese di Milo e Aci Platani

La diocesi di Acireale, in collaborazione con la CEI, continua il suo lavoro per rendere agibili alcuni edifici di culto dopo il terremoto dello scorso 26 dicembre. Il segnale forte sta arrivando in questi giorni con la firma e gli inizi dei lavori di messa in sicurezza delle chiese Maria SS. della Catena in Aci Catena, Santa Maria de la Salette in Lavinaio, della chiesa parrocchiale di Santa Maria la Stella e della chiesa Santa Maria della Misericordia in Piano d’Api.

Firma contratto per la chiesa di Aci Platani

Nella mattinata di ieri, 7 novembre, nella curia vescovile di Acireale, dinanzi al vicario generale mons. Giovanni Mammino ed al referente del sisma don Carmelo Sciuto, sono stati stipulati due contratti con le ditte esecutrici di lavori di messa in sicurezza delle chiesa Sant’Andrea in Milo, fraz. di Acireale (Ditta “Cristaudo Angelo Impresa individuale”) e Santa Maria del Monte Carmelo in Aciplatani (Ditta S.A.E. S.R.L. -Società Appalti Edili).
I lavori nella chiesa in Milo saranno eseguiti sotto la direzione tecnica dei direttori dei Lavori, arch. Romina Patanè e ing. Graziella Patanè; nella chiesa di Aciplatani saranno eseguiti sotta la guida dell’architetto Raffaello Di Mauro.

Firma contratto per la chiesa di Milo

I lavori a Milo inizieranno mercoledì 13 , mentre ad Aciplatani avranno inizio lunedì 16 novembre alle ore 7.30, e sono stati finanziati per il 70% dalla Presidenza CEI e per il restante 30% dalle parrocchie coinvolte.
Il parroco di Aci Platani, don Salvatore Coco ha espresso la sua soddisfazione: “La firma di stamattina è un primo passo importante per la nostra comunità. Il vescovo Raspanti aveva affermato che la fase della ripresa dopo il terremoto sarebbe stata una priorità e così è stato e per questo motivo lo ringraziamo. Finiti i lavori otterremo l’agibilità e noi rientreremo nella nostra chiesa. Adesso bisogna sensibilizzare tutte le istituzioni per accelerare il rientro delle famiglie ancora sfollate nelle loro abitazioni”. Anche il parroco di Milo, don Gaetano Lo Giudice,  si è unito ai ringraziamenti di don Salvatore Coco aggiungendo:”Milo è un paese lontano dal centro della diocesi e la comunità parrocchiale è punto di riferimento per il paese. Riaprire la chiesa per noi è importante perchè vogliamo ripartire nonostante i disagi subiti dallo scorso sisma”.
Lunedì 11 novembre 
in Curia, alle ore 11, sarà firmato l’ultimo contratto d’appalto per l’esecuzione dei lavori di messa in sicurezza della chiesa Sacro Cuore in Santa Venerina.     www.diocesacireale.it