Diocesi / Lavinaio, al via i lavori nella chiesa danneggiata dal sisma

Hanno preso il via  i lavori di messa in sicurezza della chiesa di Maria SS. De La Salette, nella frazione di Lavinaio, alla presenza del parroco  don Giuseppe Arcidiacono, del Sindaco di Aci Sant’Antonio, Santo Caruso, e del delegato sindaco della frazione, Rosaria Musumeci.
La struttura, che figura fra quelle danneggiate dal sisma dello scorso 26 dicembre – informa una nota dell’ufficio stampa del Comune –  dovrebbe essere consegnata per la fruizione in sicurezza dei fedeli dopo le festività natalizie, dato che la durata dell’intervento sarà di novanta giorni.

Da sin. don Arcidiacono, il sindaco Caruso e Musumeci

Il costo dei lavori è sostenuto grazie all’intervento straordinario della CEI, che permetterà di accedere (in seguito all’istanza avanzata ed accettata) ai fondi dell’8 per mille. L’importo è di 78.527,72 euro, e la cifra totale utilizzata sarà di 106.947,37 euro: di questi il 30 per cento deve essere stanziato (secondo quanto previsto dalle norme legate all’8 per mille) dal richiedente, cioè dalla parrocchia, che per la partenza dei lavori si è fatta quindi carico di una spesa di circa trentamila euro.
A mettere a disposizione la cifra per conto della parrocchia è stato il parroco, don Arcidiacono, che si è detto felice di questo intervento considerato fondamentale per i fedeli: il denaro verrà raccolto in un secondo momento dai parrocchiani (che si sono già attivati), fra donazioni e attività parrocchiali.
“Si tratta di un intervento importante – ha dichiarato il sindaco, Santo Caruso – che verosimilmente subito dopo le imminenti festività natalizie permetterà agli abitanti della frazione di assistere alla funzioni religiose nuovamente all’interno della struttura, abbandonando quella situazione di precarietà che fino ad ora, e da quasi un anno, ha costretto le celebrazioni all’interno del salone dell’Oratorio
“Per tutto questo – ha continuato il primo cittadino – va ringraziato soprattutto il parroco, don Giuseppe Arcidiacono, che con uno straordinario slancio di generosità ha anticipato per la parrocchia la somma necessaria per ottenere il finanziamento dell’8 per mille.
Si tratta di una cifra non indifferente, tanto grande quanto forte è stato l’impatto di quella notte di Santo Stefano. I parrocchiani di Lavinaio, e tutti noi santantonesi, dobbiamo ritenerci fortunati perché possiamo contare su persone come lui, dal cuore grande”.