Diocesi/ Sabato 15 mons. Raspanti ordinerà in Cattedrale quattro nuovi diaconi

Sabato 15 novembre nella Basilica Cattedrale di Acireale alle ore 18,30 il vescovo di Acireale, mons. Antonino Raspanti, ordinerà diaconi quattro alunni del Seminario diocesano. Sono (nella foto, da sinistra) Orazio Tornabene, 31 anni, della parrocchia “S. Filippo” di Aci S. Filippo; Gabriele Patanè, 26 anni, della parrocchia “Maria SS. della Provvidenza” di Macchia di Giarre; Egidio Vecchio, 26 anni, della parrocchia “S. Francesco di Paola” di Linguaglossa; Roberto Maio, 25 anni, della parrocchia “S. Maria Assunta” di Randazzo.

Nella foto da sin: Orazio Tornabene, Gabriele Patanè, Egidio Vecchio e Roberto Maio

Da sin: Orazio Tornabene, Gabriele Patanè, Egidio Vecchio e Roberto Maio

L’ordinazione diaconale è un momento decisivo nel percorso di formazione al presbiterato. Infatti con primo grado dell’ordine sacro, il seminarista è ormai un ministro sacro a tutti gli effetti, perciò tenuto agli obblighi propri di questo stato (come la preghiera della liturgia delle ore, il celibato, l’obbedienza al vescovo), consacrato definitivamente nel carattere a Cristo e alla Chiesa. Nel diaconato egli è conformato a Cristo servo, in attesa di essere conformato nel presbiterato a Cristo capo. La seconda conformazione, naturalmente, non elimina la prima, anzi la esalta ancor di più: il presbitero, infatti, è posto come pastore della Chiesa perché davanti ad essa sta in atteggiamento costante di servizio, di donazione e di amore… come Cristo è “pastore” per il suo gregge perché “servo” che dà la vita.
I quattro giovani ordinandi sono cresciuti nelle loro parrocchie di origine, dove hanno maturato la vita di fede e poi la scelta vocazionale. Nel 2009 l’ingresso in Seminario. Ora hanno la gioia di giungere insieme alla meta dell’ordinazione. Come avviene sempre negli ultimi anni di formazione, il loro percorso è leggermente differenziato per quanto riguarda il tirocinio pastorale e gli studi teologici superiori. Orazio Tornabene svolge il tirocinio pastorale nella parrocchia di Aci Castello e sta studiando a Catania per conseguire la licenza in teologia morale. Studia a Catania anche Egidio Vecchio per conseguire la licenza in teologia spirituale e si reca nella parrocchia di Calatabiano. Roberto Maio e Gabriele Patanè, invece, sono iscritti alla facoltà teologica di Palermo, per conseguire rispettivamente la licenza in teologia biblica e teologia pastorale. A Palermo sono ospiti del Seminario diocesano. Nel fine settimana Roberto è presente nella sua parrocchia di Randazzo, Gabriele in quelle di Carruba e Mangano.
Ai novelli diaconi l’augurio di fare profondamente loro le parole di S. Paolo che hanno scelto per l’immagine-ricordo della ordinazione: “Mi sono fatto servo di tutti per guadagnarne il maggior numero” (1Cor 9, 19).

Don Alfio Privitera

Please follow and like us:
Posted by on 14 novembre 2014. Filed under Chiesa,Cronaca,In evidenza,Società. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
22 ⁄ 11 =