Diocesi / Torna la “Conversazione sulla legalità”: venerdì 27 la seconda edizione su sequestro, confisca e lavoro

Avrà luogo ad Acireale venerdì 27 febbraio – informa una nota dell’Ufficio comunicazioni sociali della Diocesi – l’incontro pubblico “Conversazione sulla legalità. Sequestro confisca lavoro”. L’incontro, promosso dalla diocesi di Acireale, si svolgerà, in due distinti momenti: al mattino dalle 9 alle 13 nel salone del seminario vescovile in via San Martino, 6; i relatori affronteranno la tematica specifica del sequestro e della confisca; al pomeriggio dalle 15 alle 19 nella chiesa di San Rocco in corso Umberto I, 82; i relatori si soffermeranno sull’utilizzo dei beni confiscati come risorsa di lavoro.

Convegno-Curia-beni-confiscati-11

All’incontro, cui sarà presente il vescovo della diocesi di Acireale mons. Antonino Raspanti nella qualità di moderatore, prenderanno parte diversi relatori, tra cui si segnalano il ministro dell’interno Angelino Alfano, il procuratore capo della Repubblica di Catania Giovanni Salvi, il rettore dell’università di Catania Giacomo Pignataro, il direttore della Agenzia Nazionale dei beni sequestrati e confiscati, prefetto Umberto Postiglione. Altri relatori saranno: Giovanbattista Tona (corte di appello di Caltanissetta), Vito Branca (avvocato – foro di Catania), Filippo Dispenza (Interpol), Giusy Bosco (amministratore giudiziario), Antonio Balsamo (pres. misure di prevenzione Caltanissetta), Piero Grillo (pres. misure di prevenzione Trapani), Giuseppe Sanfilippo (amministratore giudiziario), Davide Pati (Libera), Salvatore Lo Balbo (CGIL).

Il tema della confisca e del sequestro dei beni alle organizzazioni mafiose sarà affrontato sotto le molteplici prospettive giudiziarie, legislative e lavorative, nella consapevolezza che un’azione efficace nella lotta contro la criminalità organizzata necessita di un uso riuscito delle risorse economico-finanziarie ad essa sequestrate. Ciò esige che la legislazione, le procedure e le prassi siano efficaci, come anche che l’opinione pubblica sia predisposta e consapevole della propria responsabilità sociale. La conversazione sulla legalità proposta giunge a poco più di un anno in cui la diocesi di Acireale si è fatta promotrice di un’altra conversazione sulla legalità nel corso della quale il vescovo S.E. Mons. Antonino Raspanti, alla presenza dell’allora ministro dell’interno Anna Maria Cancellieri, aveva promulgato un decreto di privazione delle esequie ecclesiastiche per chi è stato condannato per reati di mafia in via definitiva.

La partecipazione all’incontro dà diritto al riconoscimento dei crediti formativi presso l’ordine: dei dottori commercialisti ed esperti contabili, degli avvocati e dei giornalisti.Per l’accesso ai crediti formativi si seguono le consuete procedure di accreditamento presso i rispettivi ordini professionali

 

Please follow and like us:
Posted by on 21 febbraio 2015. Filed under Acireale,Appuntamenti,Chiesa,Cronaca,Diocesi,In evidenza,Note di servizio,Politica,Società. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
20 − 9 =