Esercizi spirituali / Il Papa al predicatore: “Grazie per essere normale e per tutto quello che ci hai dato, qualcosa resterà”

“Voglio ringraziarti per il bene che hai voluto farci e per il bene che ci hai fatto”. Lo ha detto, a braccio, il Papa, a conclusione degli esercizi spirituali ad Ariccia con i membri della Curia Romana. “Prima di tutto, per il tuo mostrarti come sei, naturale, senza ‘faccia da immaginetta’”, ha proseguito Francesco ringraziando il predicatore degli esercizi, padre Giulio Michelini: “Naturale. Senza artifici. Con tutto il bagaglio della tua vita: gli studi, le pubblicazioni, gli amici, i genitori, i giovani frati che tu devi custodire… Tutto, tutto. Grazie per essere ‘normale'”. Il secondo ringraziamento del Papa è “per il lavoro che hai fatto, per come ti sei preparato.  Questo significa responsabilità, prendere le cose sul serio. E grazie per tutto questo che ci hai dato”. “È vero: c’è una montagna di cose per meditare – ha proseguito Francesco –  ma sant’Ignazio dice che quando uno trova negli Esercizi una cosa che dà consolazione o desolazione, deve fermarsi lì e non andare avanti. Sicuramente ognuno di noi ne ha trovate una o due, tra tutto questo. E il resto non è spreco, rimane, servirà per un’altra volta. E forse le cose più importanti, più forti, a qualcuno non dicono niente, e forse una parolina, una piccola cosa dice di più…”. A questo proposito, il Papa ha raccontato – suscitando la sua ilarità e quella dei presenti – un aneddoto “del grande predicatore spagnolo, che, dopo una grande predica ben preparata, gli si è avvicinato un uomo – grande peccatore pubblico – in lacrime, chiedendo la confessione; si è confessato, una cateratta di peccati e lacrime, peccati e lacrime. Il confessore, stupito – perché conosceva la vita di quest’uomo – ha domandato: ‘Ma, mi dica, in quale momento lei ha sentito che Dio Le toccava il cuore? Con quale parola?…’ – ‘Quando lei ha detto: passiamo a un altro argomento'”.  “Alle volte, le parole più semplici sono quelle che ci aiutano, o quelle più complicate: a ognuno, il Signore dà la parola” giusta, il commento di Francesco. “Ti ringrazio di questo e ti auguro di continuare a lavorare per la Chiesa, nella Chiesa, nell’esegesi, in tante cose che la Chiesa ti affida. Ma soprattutto, ti auguro di essere un buon frate”, ha concluso.

Please follow and like us:
Posted by on 11 marzo 2017. Filed under Chiesa,Cronaca,Cultura,In evidenza,Spiritualità. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
12 + 1 =