Estate a Santa Venerina… tra musica e poesia

Venerdì 13 luglio 2012, nella raffinata cornice de “I Giardini di Villa Fago” di Santa Venerina, si è svolta la manifestazione culturale “Una sera d’estate… tra Musica e Poesia”, organizzata dall’associazione “Storia, Cultura e Sviluppo Territoriale” di Santa Venerina in collaborazione con l’“Accademia Galatea” di Santa Venerina.

Il pubblico sotto gli alberi

La manifestazione culturale ha visto la partecipazione di alcuni affermati professionisti locali che si sono cimentati con la poesia: il prof. Rosario Faraci, il dr. Salvo Di Dio e l’avv. Enzo Mellia. Dopo i saluti iniziali del presidente Sto.Cu.Svi.T. Domenico Strano e del presidente dell’Accademia Galatea prof. Salvatore Musumeci, i due presentatori della manifestazione, il prof. Giovanni Vecchio e la dr. Maria Lizzio (Vicepresidente Sto.Cu.Svi.T.), hanno dato il via alla manifestazione presentando al pubblico, numeroso e molto partecipe, il M° Giuseppe Musumeci (piano e violino) e il M° Rosario Mangano (tromba), due giovani musicisti di rilievo che insegnano nell’Accademia Galatea, a cui sono state affidate, congiuntamente alla giovanissima Federica Sparti, le note musicali della serata.Subito dopo il primo intermezzo musicale, il primo ospite ad intervenire è stato il prof. Rosario Faraci, professore ordinario di Economia e Gestione delle Imprese all’Università di Catania (Facoltà di Economia), autore di tantissime pubblicazioni in italiano e in inglese, di curatele e articoli, e responsabile di numerosi incarichi scientifici in Italia e all’estero. La sua poesia a rima baciata, semplice ma profonda e spesso contrassegnata da un pizzico di ironia, concerne la vita di tutti i giorni e le emozioni essenziali dell’uomo, sempre proiettata verso la speranza. Le poesie recitate, alcune interpretate dallo stesso Faraci, sono state: “La Bussola d’Amore”, “Manuale”, “Un po’ di speranza”, “La signora e la ragazzina”.

Il secondo ospite a prendere la parola è stato il dr. Salvo Di Dio, un affermato psichiatra e dirigente dell’ASP di Catania. La sua poesia invece presenta un linguaggio fluido e coinvolgente, che esprime tutto in modo  intimo e libero, tra incanto e disincanto. Le sue poesie ascoltate (tratte dalla sua ultima pubblicazione “E’ ancora profumo di vita”) sono state: “Vivo il tuo sguardo”, “Ogni vento d’amore”, “Sarà un bacio”, “Per l’eternità”, “Il solo unico tempo”, “Imprevisto amore”, “Dedicato”. L’autore ne ha aggiunte altre due dedicate alla figura del padre recentemente scomparso.

Il terzo e ultimo ospite è stato l’avv. Enzo Mellia, che svolge la propria professione in Acireale ed ha pubblicato recentemente un volume dal titolo “Frattanto il mare (racconti brevi, forse…)”, con stile che richiama Eliot e con contenuti tratti dai fatti e dalle emozioni da essi suscitati. La sua poesia, un’autentica scoperta, presenta un linguaggio lirico disincantato collocabile nell’ambito letterario del modernismo.

Gli ospiti della serata

Tutti gli ospiti intervenuti, incentivati da un brillante conduttore qual è Giovanni Vecchio, sono stati disponibili ad intavolare, con lui e con il pubblico, una conversazione, attraverso cui si è avuta la possibilità di conoscere il pensiero dei personaggi, al di là della professione che essi rappresentano.  Grande simpatia, infine, ha riscosso il promo del musical “Tutti insieme appassionatamente”, interpretato dai giovanissimi Antonio Coco e Alessia Patanè. Il musical, a cura delle “Piccole Voce dell’Etna”, andrà in scena in versione integrale sabato 4 agosto presso il parco Princessa di S. Venerina. La manifestazione si è avvalsa della partecipazione dell’attore Franco Cannata, della prof.ssa Teresa Maccarrone e della dr.ssa Anna Maria Patanè, i quali hanno curato alcune delle letture della serata. Presenti tra il pubblico il sindaco di Santa Venerina dr. Enrico Pappalardo, il presidente del consiglio arch. Giuseppe Marano, il past  president  del Distretto Lions 108Yb Sicilia avv. Silvio Cavallaro e numerose altre autorità e ospiti. La scelta di valorizzare un luogo privato come “I Giardini di Villa Fago”, un’importante struttura ricettiva e congressuale gestita dalla Famiglia Scalia con professionalità e passione, è scaturita dal desiderio di riscoprire uno dei luoghi più suggestivi del territorio di Santa Venerina. Nei saluti iniziali, infatti, è stato affermato che valorizzare significa promuovere lo sviluppo del territorio e che bisogna considerare quest’ultimo “come una agorà, come uno spazio virtuoso in cui la dimensione pubblica, quella privata e quella associativa si uniscono per dargli voce”. Dai saluti iniziali è emersa altresì l’originalità della manifestazione, un mix ideale tra musica, poesia e natura.Il prossimo evento culturale in programma è per venerdì 31 agosto 2012, presso l’azienda Tenuta San Michele del barone Emanuele Scammacca del Murgo, dove la Sto.Cu.Svi.T. proporrà una serata all’insegna della musica e dell’allegria, il tutto immerso nei ridenti vigneti della Tenuta San Michele.

Domenico Strano

 

Please follow and like us:
Posted by on 28 luglio 2012. Filed under Cronaca,Cultura. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
20 ⁄ 10 =