Etna Comics -3 / Bilancio più che positivo per il festival appena concluso. Strabiliante il numero delle presenze

Tra canti e musica nell’area palco, anche su questa sesta edizione di Etna Comics si sono letteralmente spenti i riflettori.
Ben 73.000 giovani e “ragazzi dentro”  hanno partecipato a  questo festival del fumetto e della cultura pop che sta diventando sempre più importante per programma, manifestazioni ed ospiti.corret fandom a CT 3 (512 x 384)
Ai “big” italiani e stranieri che hanno impreziosito la kermesse si sono aggiunti tanti giovani e talentuosi artisti tra i quale i disegnatori della scuola del fumetto di Palermo, quelli di Fumetti al Cubo di Catania (Cinzia Barone, Maurizio Torrisi e altri), Salvatore Patanè col fumetto on line dedicato al bastone siciliano, li accomuniamo tutti in un grosso abbraccio ed “in bocca al lupo”…
cor t Vale giochi di ruolo (512 x 384)Tra manga ed anime, tra cosplayers e cortometraggi, una menzione particolare meritano le mostre allestite da Marco Grasso, dedicate a Zagor (padiglione Norma dell’aeroporto, fino al 12 giugno), Claudio Villa (Tex, Dylan Dog…), Ivo Milazzo (Ken Parker), Julia (Marco Soldi e Cristiano Spadoni), Sergio Algozzino, Yumiko Igarashi (Candy Candy, Anna dai capelli rossi,Georgie), Nino Rocca ed altre ancora, tra cui “Ri-tratto.3” della splendida Rita Malta, dove si fondono pittura, fotografia e manipolazione di tali discipline illustrative in un unico tratto iconografico (modella la meravigliosa fumettista Val Romeo, tra l’altro presidente onoraria dei Bonelliani Siculi).
Tra gli appuntamenti culturali, interessante la conferenza sul “fandom” a Catania, a cura di veri e propri appassionati della nona arte. E ancora: affollatissime le aree dedicate ai videogames ed ai giochi di ruolo. Insomma, Etna Comics è diventata ormai un appuntamento imprescindibile di divertimento sano e culturale. Complimenti!

Mario Vitale