Favignana / “Greening the Islands”, per un turismo sostenibile nelle isole minori

Le isole puntano a superare l’emarginazione e la vulnerabilità che le contraddistingue; ridurre gli svantaggi legati all’insularità; promuovere uno sviluppo che non sia incentrato esclusivamente sul turismo stagionale e favorire le azioni integrate tra le isole italiane e quelle europee, in un processo coordinato.
Tra gli strumenti utilizzati per raggiungere questi obiettivi si inserisce l’accordo firmato ieri a Favignana, durante la conferenza Greening the Islands, tra Ancim e Federalberghi per promuovere lo sviluppo del turismo sulle piccole isole in chiave sostenibile.
Con l’accordo- informa un comunicato degli organizzatori – nasce la “Green credit card” delle isole, una carta che potrà essere acquistata a partire da marzo e i cui possessori potranno beneficiare di sconti alberghieri, prenotazione prioritaria di traghetti, servizi turistici sulle isole e ingressi agevolati in iniziative organizzate sulle piccole isole. Gli introiti derivanti dalla Green credit card saranno orientati a finanziare progetti di tutela ambientale e promozione culturale e del turismo nelle isole, soprattutto fuori stagione.
“L’accordo è particolarmente significativo perché mette le basi per un’interazione tra istituzioni pubbliche e private attive sulle isole minori; inoltre dedica particolare attenzione alla tutela dell’ambiente che grazie al coinvolgimento di Federalberghi stimola gli alberghi a utilizzare nelle proprie strutture sistemi sostenibili, come le fonti rinnovabili, l’efficienza energetica, la mobilità sostenibile la riduzione dei rifiuti, concetti perfettamente inseriti nelle tematiche promosse da Greening the Islands. Non ultimo, puntiamo molto sulla diffusione della Green credit card come strumento di sensibilizzazione del turismo sostenibile attraverso l’offerta di servizi sostenibili ai turisti”, ha detto Mario Corongiu, presidente di Ancim.
L’accordo prevede anche di finanziare iniziative promozionali congiunte tra Ancim e Federalberghi con l’obiettivo di incrementare i flussi turistici fuori stagione, attraverso l’organizzazione di mostre ed esposizioni nelle strutture ricettive, creare supporti multimediali per la valorizzazione delle risorse culturali e naturalistiche.
Tra i punti principali l’avvio di azioni per il recupero e la valorizzazione delle risorse termali e pulizia e recupero dei sentieri e dei vecchi terrazzamenti, anche attraverso la creazione di percorsi turistici la cui fruizione sarà realizzata d’intesa con Parchi o Riserve Marine.
“Già da qualche anno siamo alla ricerca di una piattaforma stabile di confronto e collaborazione con i Comuni delle isole minori sui temi che maggiormente incidono sullo sviluppo delle nostre isole. L’accordo con l’Ancim rappresenta un importante punto di partenza perché impegna le parti nella ricerca di soluzioni sia in favore della tutela e valorizzazione del patrimonio ambientale e culturale sia a vantaggio di una promozione turistica integrata delle piccole isole italiane”, ha commentato con soddisfazione Christian Del Bono – Presidente Federalberghi Isole Minori Sicilia, delegato ai rapporti con l’Ancim – che ha sottoscritto l’accordo per conto del Presidente Federalberghi Isole Minori Ermando Mennella.

Please follow and like us:
Posted by on 4 novembre 2017. Filed under Comuni,Cronaca,Economia,In evidenza. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
25 − 18 =