Fisc / Opere diocesane e sacerdoti “senza frontiere”. Ecco il bando Cei sui frutti dell’8xMille

Conto alla rivescia alla scadenza del bando nazionale 8xmille senza frontiere. Le testate della Federazione italiana settimanali cattolici chiamate a sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza di destinare l’8xmille alla Chiesa cattolica.

Finora l’8xmille nelle nostre diocesi e nei Paesi in via di sviluppo – si legge in una nota della Fisc – ha permesso di mettere in campo volontari, risorse e servizi per oltre 25.000 interventi. Ad essere raggiunti sono milioni di persone, alle quali si ridona fiducia e speranza. Come si può tacere il bene che viene fatto e che c’è intorno a noi?

“Credo ci sia bisogno di spezzare il circolo vizioso dell’angoscia e arginare la spirale della paura, frutto dell’abitudine a fissare l’attenzione sulle ‘cattive notizie’ (guerre, terrorismo, scandali e ogni tipo di fallimento nelle vicende umane)”, ribadisce Papa Francesco nel suo messaggio per la 51^ giornata mondiale delle comunicazioni sociali («Non temere, perché io sono con te» (Is 43,5). Comunicare speranza e fiducia nel nostro tempo). Questo rappresenta l’impegno quotidiano anche dei settimanali diocesani che, nello svolgimento del proprio lavoro, sono sempre alla ricerca di “uno stile comunicativo aperto e creativo, che non sia mai disposto a concedere al male un ruolo da protagonista”.

Un’occasione per mettere in pratica la “logica della buona notizia” viene data proprio da questo bando nazionale che può mettere in luce, con un approccio positivo e responsabile, come in nome di Gesù Cristo sia possibile superare le problematiche che affliggono la nostra società attraverso soluzioni efficaci che partono dall’ascolto, dall’accoglienza, dal rispetto verso l’altro.

Vi esorto, ha detto il presidente Fisc don Adriano Bianchi, “a raccontare queste storie, come solo i nostri giornali sanno e possono fare”. Accanto a queste realtà di condivisione, “non mancano sacerdoti santi e con l’odore delle proprie pecore. Anche di loro è bello parlare sui nostri giornali.”

Il bando 8xmille senza frontiere, realizzato da un decennio in collaborazione con il Servizio Promozione Sostegno Economico alla Chiesa della CEI (Spse), diventa allora un’occasione da non perdere.

I giornali della Fisc che vi parteciperanno entro il 31 di gennaio racconteranno le opere diocesane realizzate con i fondi dell’8xmille o l’impegno di un sacerdote, in servizio pastorale nella propria comunità. si tratta di storie, si legge dal comunicato, “che raccontano come i nostri preti vivono anche grazie all’integrazione dell’Istituto Centrale Sostentamento Clero”.

Tweet 20