Formazione / Giovedì 6 luglio seminario dell’Uciim acese su “Vita di classe: ambiente di relazioni diverse”

La sezione acese dell’Uciim (Unione Cattolica Italiana Insegnanti medi, che raccoglie anche Dirigenti, Educatori, Formatori) continua la  sua attività ed il suo impegno, profuso in ambito di formazione del personale docente, per poter far fronte, nel modo più idoneo possibile, alle necessità ed alle complesse dinamiche relazionali che si instaurano all’interno del mondo scolastico e dei suoi protagonisti.

Il vescovo di Acireale mons. Raspanti con la nuova presidente della sezione acese, Rita Calderone

La scuola, oggi, rappresenta un importante momento aggregativo, in cui il giovane discente trascorre parte della giornata. Come in una grande famiglia, dunque, i rapporti diventano costanti, regolari e non sempre facili. In parallelo con la didattica, la relazione umana assume un ruolo fondamentale tanto per l’alunno, che desidera crescere ed imparare, tanto per l’insegnante, che deve guidarlo ed accompagnarlo con serenità. Queste le considerazioni di partenza che animeranno il seminario, previsto per giovedì 6 luglio nei locali di via Dafnica ad Acirale, dal titolo “Vita di classe: ambiente di relazioni diverse”, organizzato dall’Uciim. L’Associazione nazionale, come ricorderemo, lo scorso 29 maggio, ha visto ricostituita la sua sede acese, dopo circa  quattro anni di stasi, all’interno dello storico Istituto San Michele. La sede è stata intitolata alla figura storica del preside prof. Giuseppe Patanè, presidente attivo e promotore di svariate iniziative.

Si tratta del secondo momento formativo organizzato dalla neo-costituita sezione, presieduta dalla prof.ssa Rita Calderone, pedagogista clinico. Il primo si è svolto, infatti, nell’ambito dell’incontro  che ne ha celebrato l’inaugurazione stessa. L’inizio dei lavori è previsto per le 9:00 e tanti gli interventi durante l’articolarsi del seminario, che sarà moderato dalla prof.ssa Angela Amico, vicepresidente vicaria della sezione. La prof.ssa Rosaria Picozzi, revisore dei conti Uciim nazionale, tratterà lo specifico tema de “La gestione della classe: le dinamiche relazionali”, dopo i saluti di Padre Alfio Cantarella d. O., direttore dell’Istituto San Michele, Liceo Scientifico Paritario e del suo preside, il prof. Giovanni Vecchio. L’incontro, che continuerà nel pomeriggio, vedrà la relazione della prof.ssa Rita Calderone in ambito di “Pedagogia clinica in classe: il contenimento dei comportamenti problema”, giacché spesso si registrano situazioni di particolare difficoltà, che pongono diversi quesiti agli insegnanti per potervi ovviare in modo corretto.

Un momento della recente inaugurazione della sezione Uciim di Acireale nell’Istituto San Michele

“Abbiamo organizzato questo seminario per rispondere alle esigenze dei docenti, nel gestire le situazioni problematiche che si possono presentare nel rapporto discente-insegnante. Queste situazioni presentano ampia complessità, dal momento che bisogna tenere in considerazione sia il punto di vista del docente, che si interroga sul proprio operato e si confronta con i colleghi per poter dare una risposta adeguata al problema,  sia quello del ragazzo, che con il suo comportamento riflette particolari disagi. L’obiettivo è quello di creare una scuola che sia sempre più in armonia fra le sue componenti, comprendendo tra queste le famiglie dei ragazzi. Avviare le giuste strategie, attraverso nuovi strumenti, per collaborare ed entrare in contatto con l’allievo e con le famiglie è fondamentale”, ha spiegato la presidente Rita Calderone.  A tal proposito ha sottolineato anche la sinergia con l’assessorato alla Pubblica Istruzione di Acireale, nella persona della dott.ssa Adele Chiara D’Anna, che interverrà all’incontro. Don Francesco Mazzoli, consulente ecclesiastico della sezione acese, si occuperà, nel suo intervento, di pedagogia cristiana, a partire da una delle frasi più famose del Vangelo fra quelle dette da Gesù: “Lasciate che i bambini vengano a me”.

Giornata ricca di spunti utili, anzi necessari per la riflessione, dunque, che vuole anche porre le basi di lavoro per l’ Uciim, in previsione del nuovo anno scolastico, così da continuare quel cammino di crescita e miglioramento del personale qualificato che ogni giorno condivide esperienze, difficoltà e successi con i giovani.

Rita Messina

 

Please follow and like us:
Posted by on 3 luglio 2017. Filed under Acireale,Comuni,Cronaca,Cultura,In evidenza,Scuola,Società. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
19 + 3 =