Giardini Naxos / Il cantastorie Luigi Di Pino il 4 settembre in uno spettacolo ispirato alla santa patrona

“E chiamamula cu vera fidi!”, esordisce così lo spettacolo che il cantautore ripostese Luigi Di Pino inscenerà il 4 settembre alle ore 21 nella piazza Abate Cacciola di Giardini Naxos(ME). Una idea vissuta sin da subito con molto entusiasmo dal sindaco Nello Lo Turco e dall’amministrazione.
Come recita la nota stampa- per la prima volta, in onore dei festeggiamenti della patrona naxiota, Santa Maria Raccomandata, il cantastorie racconterà di Lei. Anche lo scorso anno, sempre per la festa della patrona, Di Pino è stato molto applaudito con lo spettacolo “I paladini di Francia” sia per lo spettacolo che per i canti, le parole, i suoni, che hanno fatto rivivere i trascorsi del cantastorie a Naxos, citando i luoghi, gli amici, in particolare Nino Martoglio.
Ma quest’anno il ripostese vuole proporre qualcosa che tocchi il cuore dei cittadini e dei fedeli; a tal proposito riportiamo una sua dichiarazione: “Ho avuto la netta sensazione che “Qualcuno” mi avesse suggerito l’idea, quasi investendomi di una missione. Pur avendola partorita all’interno della mia stessa mente sapevo con certezza che proveniva dal cuore. Era come se sapessi di avere dentro di me l’opera compiuta, si trattava solo di tirarla fuori. Considero questo mio lavoro un atto di riconoscenza nei confronti della città di Giardini Naxos e della popolazione giardinese. Mi propongo infatti, a spettacolo concluso, di consegnare il copione, completo di riferimenti bibliografici, oltrechè al sindaco Pancrazio Lo Turco, a padre Giuseppe, che lo riceverà, come concordato, in rappresentanza della Parrocchia, affinchè possa essere conservato negli archivi ecclesiastici”.
Prosegue la nota stampa- la storia che verrà narrata, affonda le sue radici nel lontano 1719 quando nacque la prima parrocchia “ai giardini”, allora legata all’arcipretura di Taormina. La tradizione vuole che la parrocchia venne dedicata dai marinai e dai loro familiari alla Madonna, a cui si raccomandavano prima di partire per il mare. La stesura del copione ha richiesto non solo un lavoro certosino per la ricerca delle fonti storiche ma anche diversi mesi. Il cantastorie si è avvalso della collaborazione del giardinese Rosario Bellingheri, cultore di tradizioni popolari.
Tra le fonti citate troviamo il libro di padre Agostino Lo Cascio,”L’abate Salvatore Cacciola”; quello di Francesco Bottari con “I frati minori cappuccini in Taormina e Giardini”, ed inoltre il volume di Piero Montes “Giardini Naxos nel cuore”, pubblicato da poco. Lo spunto dello spettacolo di Di Pino è tratto proprio dal libro del Montes, ed esattamente da uno dei racconti di nonna Angelina. Quest’ultima rievoca di un pescatore del posto che con la sua grande imbarcazione andava molto lontano sino a giungere nei posti dove era vissuto Gesù. Quando un giorno stava per partire per un nuovo viaggio, una donna di grande fede gli chiese se potesse portargli dalle terre del Signore un piccolo frammento di legno della croce dove era stato crocifisso Gesù, perché ne aveva bisogno. A questo punto, il pescatore non seppe dire di no e le promise che l’avrebbe accontentata.
“Sullo schermo le immagini di un’alba quasi buia. Versi di gabbiani. Sulla destra, in ginocchio, ci sta Nedda, con una coroncina in mano. Entra in scena Pancrazio, il pescatore. Nedda Ha pregato tutta la notte la Madonna per ottenere una grazia…”. Da qui prenderanno vita le vicende dell’ultima creatura di Di Pino. L’originalità dello spettacolo è data dal miscelare tutti i linguaggi dell’arte: il teatro, il canto, la poesia, la danza, la musica, per finire al video. Un mix innovativo che il cantautore fa rivivere nel canto siciliano.
Di Pino sarà affiancato da attori come: Ornella Brunetto, Alfio Zappalà, Gianfilippo Tomaselli, Eugenio Patanè, Angela Giammuso. Inoltre ci sarà la performer taorminese, Roberta Pennisi che vestirà i panni di un personaggio surreale.. Le musiche dal vivo saranno eseguite da Alba Roma, al violino; Matteo Briguglio, al tamburo; Angelo Caminiti, alla chitarra; Angelo Triolo, agli effetti sonori; Rosario Tomarchio, al contrabbasso; Davide Ferraro e Marco Crisafulli, alle fisarmoniche. Inoltre ci sarà la partecipazione del coro della Parrocchia Santa Maria Raccomandata diretto da Andrea Gialloreto; del gruppo folk “Triskelion” di Roccalumenra; del corpo musicale “Carmelo Puglia-Città di Giardini Naxos”; delle scuole di danza “Funny club” di Piedimonte Etneo e “Entra in scena” di Calatabiano, dirette da Claudia Patanè.

Maria Pia Risa