Giornata per i malati di lebbra: il messaggio di mons. Raspanti

Domenica 29 Gennaio p.v. celebreremo la 59^ Giornata mondiale dei malati di Lebbra, dal singolare tema “Fai della tua vita qualcosa che vale”.

Ancora oggi, seppur in notevole regressione, molte persone sono affette dal morbo di Hansen, il quale è facilmente curabile. Ecco perché l’AIFO (Associazione Italiana amici di Raoul Follereau), è da sempre impegnata n questo campo umanitario affinché i lebbrosi, con le apposite cure, possano reinserirsi nella società.

“Nessuno – scriveva Follereau – ha il diritto di essere felice da solo”, la Comunità ecclesiale si pone in trincea a favore di questi fratelli e sorelle affetti dalla malattia, al pari di Gesù, che nei loro riguardi ebbe – come si evince dai Vangeli – particolare attenzione. Li accompagna nel loro cammino di guarigione attraverso apposite strutture sanitarie guidate da Missionari e Volontari, specialmente in quelle zone del mondo povere.

Mentre esprimo all’AIFO il sentito ringraziamento per quanto compie nella nostra Diocesi, invito tutte le Comunità ad impegnarsi fattivamente con la preghiera e la generosità delle offerte per aiutare questi nostri fratelli/sorelle bisognosi del nostro aiuto concreto.

Su tutti scenda copiosa la benedizione del Signore

+ Antonino Raspanti

Acireale, 1 Gennaio 2012

Please follow and like us:
Posted by on 27 gennaio 2012. Filed under Interviste. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
23 − 18 =