Il Diabete: la diagnosi, la prevenzione, i fattori di rischio.

Il diabete mellito tipo 2 è una malattia diffusa anche nel nostro territorio ed è caratterizzata dall’aumento della  glicemia  nel sangue dovuta ad alterazioni dell’azione e della secrezione insulinica. Questa patologia mostra un chiaro incremento in tutti i Paesi industrializzati, a causa  dello stile di vita e l’aumento del benessere, al punto che l’Organizzazione mondiale della sanità  parla di vera e propria “epidemia”.

Abbiamo chiesto maggiori approfondimenti al dott. Rocco Siciliano, direttore dell’Unità operativa di medicina complessa interna dell’ospedale “S. Marta e S. Venera “ di Acireale.

– Quali sono gli attuali criteri diagnostici del diabete mellito tipo 2 ?

“ Si fa diagnosi di diabete mellito tipo 2 se la glicemia a digiuno è superiore a 126 mg/dl, in almeno due occasioni, o superiore ai 200 mg/dl  120 minuti dopo carico orale di glucosio o se l’HbA1c (emoglobina glicata) è superiore a 6,5%. Se la glicemia a digiuno è superiore a 100-110 mg/dl ma inferiore a 126, si parla di “alterata glicemia a digiuno”, in inglese impaired fasting glucose. In questi casi è suggerito eseguire la OGTT (oral glucose tolerance test): se la glicemia dopo 120 minuti è tra 140 e 199 mg/dl, si parla di ridotta tolleranza ai carboidrati (impaired glucose tolerance).”

– Esiste una prevenzione del diabete mellito tipo 2?

“Richiamando i meccanismi patogenetici principali del diabete mellito tipo 2, lo sforzo del medico e del paziente deve essere focalizzato sulla diagnosi precoce e sulla eliminazione o riduzione dei fattori di rischio per l’insorgenza del diabete manifesto. Il paziente che sa che almeno uno dei genitori, fratello o sorella è diabetico, o in sovrappeso, o è obeso, deve eseguire due volte una glicemia a digiuno e, se necessario, una curva da carico orale di glucosio. In base a criteri diagnostici si potrà porre la diagnosi corretta e impostare una terapia che prima di tutto deve basarsi sulla dieta ipocalorica e, quando è possibile, sull’esercizio fisico.”

– Quali sono i fattori di rischio del diabete mellito tipo 2 ?

“Il fattore di rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 più importante è la familiarità diabetica e aumenta con l’età, l’obesità e la mancanza di attività fisica. Esso, inoltre,  si verifica più frequentemente nelle donne con precedente diabete mellito gestazionale e nei soggetti con ipertensione o dislipidemia. La pericolosità della malattia consiste nel fatto  che, se non curata bene, provoca danni nelle arterie del cuore, cervello, reni, retina, nervi etc.”

Salvatore Cifalinò

You must be logged in to post a comment Login