Imbarazzo nella Capitale / Don Ciotti (Libera) su funerali Casamonica: “Strumentalizzazione per rafforzare potere”

“Non possono lasciarci indifferenti”. Così don Luigi Ciotti, presidente nazionale di Libera, commenta in una nota del Sir ledon-ciotti “scene viste (ieri, ndr) fuori dalla chiesa dove – con uno sfarzo e un dispiegamento di mezzi, banda musicale, elicottero che lanciava petali di rose – si sono svolti i funerali di Vittorio Casamonica”. Sessantacinque anni, era uno dei maggiorenti del clan omonimo specializzato nel racket e nell’usura nella periferia sudest di Roma. Per don Ciotti, “non è ovviamente in discussione il diritto di una famiglia di celebrare i funerali di un suo membro e la partecipazione di amici e conoscenti. Grave è l’evidente strumentalizzazione di un rito religioso per rafforzare prestigio e posizioni di potere. Sappiamo che le mafie non hanno mai mancato di ostentare una religiosità di facciata, ‘foglia di fico’ delle loro imprese criminali. Una volta di più, e a maggior ragione dopo la scomunica di Papa Francesco dei mafiosi e dei loro complici, è compito della Chiesa denunciarla e ribadire che non può esserci compatibilità fra la violenza mafiosa e il Vangelo”.

 

You must be logged in to post a comment Login