Immigrazione / Rapporto della Fondazione Migrantes: quasi cinque milioni gli italiani residenti all’estero. Mons. Perego smonta gli stereotipi

Al 1 gennaio 2017, gli italiani residenti fuori dei confini nazionali e iscritti all’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero (AIRE) sono 4.973.942, l’8,2% degli oltre 60,5 milioni di residenti in Italia alla stessa data. Dal 2006 al 2017, la mobilità italiana è aumentata del 60,1% passando da poco più di 3 milioni a quasi 5 milioni di iscritti. Nell’ultimo anno l’aumento è del +3,4%. È quanto emerge dalla XII edizione del Rapporto Italiani nel Mondo della Fondazione Migrantes, presentato a Roma martedì 17 ottobre.
Numeri che smentiscono le voci di “invasione” o “annullamento dell’identità”, dato che ammonta sostanzialmente solo alla stessa cifra la presenza di emigranti di origine non italiana nel nostro paese, compresi quelli di seconda generazione: al 1 gennaio 2016 erano 5.026.153. Mons. Giancarlo Perego, arcivescovo di Ferrara-Comacchio e già presidente della stessa Fondazione Migrantes per quasi otto anni, ha smontato uno per uno gli immotivati stereotipi in tema di immigrazione, spesso causati da una strumentale agenda mediatica, in occasione del workshop intitolato “La realtà è superiore all’idea – L’ascolto nelle dinamiche comunicative sui processi migratori”, organizzato dal Centro Evangelii Gaudium dell’Istituto Universitario Sophia di Loppiano (Figline Incisa Val d’arno), in collaborazione con la Rete Europea Risorse Umane, lo scorso 12 ottobre.
“Già nel 2011, attraverso una ricerca condotta con l’Università La Sapienza di Roma, verificammo come, su un milione e mezzo di articoli, sui giornali fosse coniugata nel 92% dei casi la parola migrante con le parole criminale, irregolare o clandestino, incrementando la percezione di presunta insicurezza causata dalla presenza di migranti tra noi” esordisce Perego. “Così anche se avevamo, su 4 milioni e mezzo di migranti, 2,5 milioni di lavoratori e 800 mila studenti nelle scuole, molti media parlavano solo dei 27 mila non italiani in carcere, come se quello fosse il popolo dei migranti” .
Inequivocabili i dati effettivi enunciati: negli ultimi 4 anni in Italia abbiamo contato 600 mila sbarchi di richiedenti asilo, dei quali sono rimasti solo in 196 mila nel nostro paese: a leggere molte testate sembrerebbe quasi un mondo di profughi che sbarca sulle nostre coste, quando in realtà sono stati ben 65 milioni i profughi solo nel 2016 nel mondo, la maggior parte dei quali è accolta in Asia e Africa, continenti ben più poveri dell’Europa. Un dato ancora più eloquente se si pensa che il nostro Paese ha perso in soli 5 anni circa 800 mila cittadini dal semplice scarto demografico tra morti e nascite: eppure, per un’infondata percezione indotta da alcuni gruppi politico-editoriali, 196 mila rimasti in 4 anni fanno paura, diffondendo palesi storture ideologiche.
Tra tante, l’ormai tristemente noto Aiutiamoli a casa loro”, slogan sbrigativo e oltremodo semplicistico che, spiega mons. Perego, non meriterebbe certo obiezioni in assoluto, se solo i numeri effettivi non dimostrassero tutt’altra direzione: solo nell’ultimo anno, l’Italia sola ha incrementato del 95% l’esportazione di armi in diversi tra i paesi che costringono intere masse di popolazione a emigrare a causa delle 33 guerre esistenti, che da sole hanno fatto 8 milioni di profughi (mentre 22 milioni sono quelli dovuti ai disastri ambientali). Tanto semplice quanto ipocrita giustificare dunque allo stato attuale respingimenti al grido “Aiutiamoli a casa loro” quando, dati alla mano, ben 10 milioni di persone sono state cacciate per lasciare spazio ai 54 milioni di ettari acquistati in Africa da multinazionali occidentali, tra cui italiane.

Mario Agostino

Please follow and like us:
Posted by on 9 novembre 2017. Filed under Chiesa,Cultura,In evidenza,Solidarietà. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
28 − 14 =