Intervista / Giusy Brischetto: “Io a Pontida da leghista entusiasta, presto ad Acireale la sede della Lega”

Giusi Brischetto che nelle recenti elezioni amministrative, svoltesi ad Acireale il 10 giugno 2018, si è presentata come candidato sindaco con la sua lista “Salvini premier”, ha preso parte al recente raduno di Pontida.
L’annuale raduno della Lega nello storico scenario della città che fu la sede del giuramento di Pontida del 7 aprile 1167, anche quest’anno ha segnato un momento importante per gli esponenti del partito e per tutti coloro che sono iscritti o simpatizzanti al movimento che ebbe vita nel 1989 dal’unione di sei movimenti autonomisti regionali, attivi in quegli anni nell’Italia settentrionale. Leader indiscusso fino a pochi anni fa e presidente (a vita) del movimento leghista è Umberto Bossi. Oggi con la presenza di Matteo Salvini, che dal 2013 ricopre l’importante ruolo di segretario federale, molte novità ci sono state, ed è significativo che alle elezioni del 4 marzo 2018 la Lega è al primo posto per preferenze all’interno della prima colazione in Italia. Matteo Salvini dal 1° giugno 2018 è stato ufficialmente nominato ministro dell’Interno e vicepresidente del Consiglio dei ministri del governo Conte, esecutivo nato con l’appoggio della Lega e del movimento 5 stelle.
Molte le presenze siciliane a Pontida tra cui il presidente della regione onorevole Nello Musumeci e, appunto,  Giusi Brischetto. Dunque, chi meglio di lei può raccontare cosa sia successo nel raduno appena concluso ed esprimere il proprio pensiero su alcuni temi fondamentali del partito che, con la presenza nel nuovo governo, ha un ruolo di primo piano nella politica nazionale.
Vuole raccontarci la sua personale esperienza al raduno 2018 della Lega, sia da privato cittadino che da politico?
Intanto con Pontida 2018 non è più Lega Nord ma solo Lega Salvini premier, per il tesseramento stiamo aspettando il nuovo statuto ed il simbolo. E’ stata una esperienza interessante, la sera prima del’evento il clima fra i partecipanti e i leader era informale, Salvini rideva, scherzava con tutti noi, onorato del fatto che abbiamo fatto tanti chilometri per esserci a questo importante appuntamento. Siamo arrivati con un camper portando tanti prodotti della nostra terra per lo stend della Sicilia. Lo hanno visitato in tanti, lombardi, piemontesi. Quello che sta facendo Salvini nella Lega nessuno lo aveva fatto prima. Salvini vuole una Italia unita, con gli italiani che devono essere al primo posto.
Il 19 dicembre 2014 Salvini fonda il movimento “Noi con Salvini” come soggetto politico a sostegno del segretario del centro e sud Italia. Nelle regionali del novembre 2017 la Lega si presenta in una lista unica con Fratelli d’Italia ottenendo il 5,65% dei voti, 4 seggi di cui 1 a “Noi con Salvini”. Che pensa di questo risultato?
Non è facile essere in Lega in Sicilia oggi,  sarà più facile in futuro. Salvini sta facendo molto. Non voglio dire che al sud è facile votare Lega ma oggi è possibile votare Lega anche da parte nostra, gente del sud.
Lo statuto approvato il 20 giugno del 2015 all’articolo 1 recita: “movimento politico confederale costituito in forma di associazione non riconosciuta che ha per finalità il conseguimento dell’indipendenza della Padania e il suo riconoscimento internazionale quale Repubblica Federale indipendente e sovrana. Cosa ne pensa e che novità ci sono a tal proposito?
Si deve rifare lo statuto, siamo una nazione, siamo tutti insieme, siamo tutti uguali, anche in Sicilia abbiamo sempre voluto l’autonomia della Sicilia, abbiamo un governo, i parlamentari, di cosa ci scandalizziamo!
Sempre nello statuto si parla di confederazione delle nazioni costituite a livello regionale in forma di associazione. Oltre alle 13 già presenti nello statuto altre tre se ne sono aggiunte: Sardinia, Abruzzo e Roma. E la Sicilia?
Nella costituzione italiana c’è scritto che la sovranità appartiene al popolo, a Pontida 2018 si sono delineate alcune situazioni importanti. La Lega vuole la Lega delle Leghe, una Lega a livello europeo, dove l’Italia  tutta è una nazione. Ci stiamo proiettando verso il futuro. Quando Matteo Salvini iniziò la sua attività di segretario federale la Lega era al 3% dei consensi, oggi siamo quasi al 31 %. Tanto è cambiato, siamo il primo partito d’Italia.
La Lega si è sempre schierata contro i matrimoni e le adozioni gay. Il politico leghista Sergio Divina ha dichiarato: “un figlio gay è una disgrazia”. La Lega è vicina a questo pensiero o è stata solo l’esternazione personale  di un esponente del partito?
La Lega è per la famiglia tradizionale, come la Chiesa è per la famiglia tradizionale, nessun senso di omofobia però, nessun senso di discriminazione, noi siamo uno stato cattolico, noi siamo per il crocifisso in chiesa, quando andiamo in una moschea noi rispettiamo il loro credo perché bisogna rispettare le regole di quel popolo.
Salvini da ministro dell’Interno ha proposto il censimento dei Rom, il ministro della salute Giulia Grillo ha dichiarato: “ ogni politico e ogni leader ha il suo modo di esprimersi”. Cosa pensa a tal proposito?
Gli italiani vengono censiti. Dunque di cosa stiamo parlando? E’ giusto avere all’interno dello Stato italiano persone non censite e non sapere cosa fanno? Non può funzionare così. I Rom sono un popolo all’interno dello Stato italiano ma non sono censiti, non sappiamo dove sono e se i loro bambini vanno a scuola. Se io vado in America o Francia o Belgio io devo dare un documento entrando in questi paesi come ovviamente in tutti gli altri, se vado a dormire in un albergo devo dare un documento prima di prendere possesso di una stanza e l’albergatore ha il dovere di comunicarlo agli organi di polizia. E’ solo una scusa. L’Italia fino ad oggi è stata la terra di tutti e di nessuno, ma così non può funzionare, bisogna rispettare le regole.
E sul tema dell’immigrazione?
Qualcuno quando si parla di immigrazione travisa le parole di Salvini. Il mio bisnonno è andato in America come immigrato, prima di andare lì doveva sapere dove alloggiare, cercare lavoro, è stato 40 giorni in quarantena prima di poter ufficialmente entrare, con rispetto della terra che lo stava accogliendo. La Lega è contro l’immigrazione clandestina, senza regole. Le regole sono fondamentali.
Umberto Bossi ha dichiarato: “ cosa vogliono i meridionali venuti a Pontida? Non c’è una regione del Sud che riesce a pagare la propria sanità. Deve pagare il Nord’ Il Sud vuole essere solo mantenuto.
Io non ero presente a queste esternazioni di Bossi, posso dire che Bossi non era presente quest’anno nè lo scorso anno a Pontida. Posso solo dire quello che so e quello di cui sono a conoscenza. Poi ognuno di noi parla e spesso le parole vengono travisate, lui però ha sposato una meridionale. Io mi chiedo se veramente queste esternazioni siano recenti. Sicuramente in tutto questo un fondo di verità c’è, ci sono stati momenti in cui l’immigrazione ha portato danno e momenti in cui l’immigrazione ha portato progresso.
Ed infine che progetti ci sono per la Lega di Acireale ?
Presto apriremo la sede, stiamo già lavorando ad alcuni progetti di riqualificazione per la città, purtroppo non siamo in consiglio comunale, ma siamo  ad Acireale un movimento molto giovane. Secondo me siamo stati anche premiati, anche se qualcuno sostiene il contrario. Io personalmente ho avuto il 4,4% di consensi in 30 giorni di campagna elettorale e in una città in cui quasi non esisteva la Lega. Noi siamo vigili sull’operato dell’amministrazione. Saremo presenti per le cose positive, proporremo e daremo le risposte che la città vuole per le cose che non siano di crescita per la città. Concludo dicendo che a Pontida uno dei rappresentanti di partito più anziani  (è tesserato da ben 30 anni) ci ha regalato una bandiera di 6 metri della Lega che noi esporremo nella nostra futura sede.

Gabriella Puleo

 

You must be logged in to post a comment Login