Italia – Cina / Il presidente cinese Xi Jnping accoglie Mattarella ricordando il gesuita siciliano Prospero Intorcetta

Il presidente cinese Xi Jinping accoglie Mattarella a Pechino ricordando il gesuita siciliano Prospero Intorcetta.

“Chi è costui? Un gesuita del Seicento, morto e sepolto a Hangzhou, studioso di Confucio del quale fece conoscere l’opera in Europa”.

Il quotidiano La Stampa  riporta così le parole che il presidente cinese Xi Jinping rivoge a Mattarella per dimostrare la sua ammirazione verso l’Italia e creare un sodalizio che, iniziato secoli addietro, oggi sembra più attuale che mai.

Prospero Intorcetta, gesuita di Piazza Armerina, condivide col presidente italiano la sua sicilianità e al contempo ricorda lo “spirito da pionieri” che accomuna i due Paesi.

Anche La Repubblica e Il Corriere della sera hanno riportato, non senza un certo stupore, le parole di Xi a Mattarella che mostra, orgoglioso, di conoscere le comuni origini siciliane che lo legano al suo lontano conterraneo padre Prospero Intorcetta.

Collage di articoli sull’incontro Xi Jinping – Mattarella

Gesuita del secolo diciassettesimo, partì missionario in Cina per evangelizzare e capire; capire cosa si celava dietro una civiltà tanto misteriosa quanto interessante e ricca di pensiero e tradizioni. La filosofia di Confucio, lo studio della lingua e l’osservazione delle realtà locali furono di cruciale importanza per tessere rapporti di carattere prettamente culturale e religioso.

Da ben dieci anni la Fondazione Prospero Intorcetta Cultura Aperta opera instancabilmente per dissipare l’oscura misconoscenza che ha avvolto il gesuita Intorcetta. Soci appassionati e competenti, stretti intorno alla figura del presidente Giuseppe Portogallo, hanno cercato con entusiasmo e caparbietà documenti, epistole, manoscritti e quanto potesse dimostrare ciò che ha dato loro il primo stimolo alla ricerca: l’importanza di Prospero Intorcetta per l’arricchimento del sapere occidentale e orientale al contempo; e l’incontro tra Xi Jinping e Mattarella, apertosi con la citazione del piazzese gesuita, ne è dimostrazione.

Un incontro, quello tenutosi a Pechino in febbraio, per sugellare una collaborazione tra Italia e Cina in seno ad una recalcitrante globalizzazione, al fine di predisporre piani di sviluppo che ribattezzano in nuova veste l’antica sichou zhi lu, letteralmente dal cinese: via della Seta.

Già in novembre, in occasione della posa del busto di  Prospero Intorcetta ad Hangzhou, il console generale d’Italia a Shanghai, Stefano Beltrame, intervenuto all’evento, aveva accennato all’ iniziativa: One belt One road, simbolo dell’apertura della Cina verso l’Europa.  In particolare aveva affermato: “Gli italiani uomini di scienza e fede, sono venuti qua per studiare e capire la Cina e con umiltà hanno imparato la lingua, facendo i primi dizionari e traducendo per primi le opere della filosofia cinese e di Confucio. Quando adesso la Cina vuole farsi conoscere diventa di attualità e di importanza il lavoro sulla filosofia fatto da padre Prospero Intorcetta trecento anni fa”.

Matteo Ricci e Marco Polo hanno per lungo tempo rappresentato l’operato occidentale in oriente, ma il XXI secolo pone Prospero Intorcetta gesuita, un primus inter pares.

Vanessa Giunta

You must be logged in to post a comment Login