La crisi e gli italiani alla riscoperta dell’Italia

Era luglio, solo pochi mesi fa eppure sembra un tempo così lontano. Si discuteva di dove andare in vacanza, magari in una Grecia attraente e conveniente, ma investita da una tempesta finanziaria che ¬- leggevamo ¬- la stava mettendo in ginocchio. E se poi il traghetto ci lasciava a piedi lì? Qualcuno faceva la cassandra: attenti, dopo tocca a noi. Figuriamoci. E quando le nuvole nere hanno lasciato la costa greca per attraversare lo Ionio, ci siamo un po’ stupiti: ma noi non siamo la Grecia! No, siamo l’Italia, l’anello debole più grosso della catena dell’euro, una moneta – abbiamo scoperto poi – senza un vero padrone che le dica cosa fare. Da lì, una manovra sull’altra, una botta sull’altra, un governo che se ne va e un altro che arriva e dice: siamo sull’orlo del burrone. Tant’è che a guidarci ora sono dei “tecnici”, perché abbiamo come l’impressione che alle troppe parole della politica nostrana serva sostituire la competenza di chi possa tirarci fuori dai marosi. In questo mondo ormai fatto di numeri e quantità, ci stanno dicendo che è la peggiore crisi di sempre, che il il Pil ha la polmonite, che la flessione è proprio recessione.

 A settembre sembrava che lo Stato italiano dovesse pagare un po’ di più i propri debitori; a dicembre ci hanno dipinti come l’Argentina di dieci anni fa, come l’Italia dell’aprile 1945. No, no e no. La situazione è grave, come può essere grave la situazione di un Paese tra i più ricchi del mondo che, dopo aver fatto troppi debiti e poco lavoro, ora debba tirare un po’ la cinghia. Un tenore di vita più consono ai soldi che ha, piuttosto che ai soldi che s’è fatto prestare. Ma non siamo stati devastati da una guerra mondiale; non ci sono stati tsunami né rovinosi terremoti né epidemie. È un momento difficile, ma nulla è compromesso, il nostro destino è ancora nelle nostre mani.
È proprio questo il punto: dobbiamo ricostruire la fiducia, la speranza. Perché se uno non vede futuro, non avrà futuro. Le feste natalizie sono state commercialmente sottotono? Si è venduto poco nei negozi e nei centri commerciali? La vera notizia sarebbe stata l’opposto di quanto è accaduto. C’è un bombardamento di pessimismo da ogni dove che difficilmente spinge a sorridere; l’ultima manovra è stata molto pesante; l’anno si è chiuso con i conti in rosso per tutti. Ma dobbiamo reagire, non passare il tempo a piangerci addosso.
Se i tecnici che ci guidano ci daranno regole e incentivi per lavorare meglio, per lavorare di più, ci rimboccheremo le maniche e lo faremo come lo abbiamo sempre fatto nella nostra storia. Saremo più attenti nelle nostre spese e sarà tutta salute, perché il terzo telefonino a testa avrebbe la stessa utilità del vapore acqueo.
Cominceremo a guardare con più attenzione le nostre esigenze, il cartellino dei prezzi, l’etichetta degli oggetti per vedere se sono stati fatti da noi o in qualche Paese lontano da non beneficare eccessivamente. Ma avremo la possibilità di ristrutturare le nostre case contando su mutui a tassi bassi e su rinnovati sgravi fiscali; la benzina prima o poi finirà di costare più dello Chardonnay, e la legge dei numeri toccherà pure le Borse e i Btp, oggi a prezzi di saldo. Non è ottimismo di maniera, ma si basa su due fatti che sono ancora da delineare con precisione, ma che appunto non si sono delineati già ora in maniera negativa. Il primo è la presa di coscienza tedesca che il “peggio per tutti” sarebbe pure un “peggio per la Germania”. Se veramente l’Italia affogherà, trascinerà con sé pure una bella fetta di economia tedesca: conviene? Non si sa cosa decideranno a Berlino. Ma qualunque cosa decideranno i padroni dell’Europa, lo faranno con piena coscienza delle conseguenze.
La seconda notizia è buona in sé, ma bisognerà vedere come si svilupperà. La Bce ha letteralmente salvato le banche europee nei giorni scorsi con una colossale iniezione di liquidità quasi gratis. Banche che stavano andando in tilt per varie ragioni. Se esse useranno questa marea di euro per finanziare l’economia europea assetata di credito e di buona finanza, sarà l’inizio della fine della recessione. L’abbiamo capito? Lo capiremo? Non si sa. Però in queste feste i voli aerei per la nostra splendida Sicilia erano pieni, più che per mete esotiche costose e solitamente tanto gettonate. Vuoi vedere che questa crisi farà riscoprire l’Italia agli italiani?

Nicola Salvagnin

Please follow and like us:
Posted by on 10 gennaio 2012. Filed under Interviste. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
20 ⁄ 5 =