Libri / “Le pecore di Bergoglio”: Nelle villas di Buenos Aires emerge il volto missionario di Papa Francesco

Le pecore di Bergoglio. Le periferie di Buenos Aires svelano chi è Francesco” edito dalla casa editrice EMI.

L’autore Pierfrancesco De Robertis, giornalista romano per testate nazionali, fin dalle prime pagine scrive: “Se si vuol capire chi è papà Francesco, bisogna scoprire chi era il cardinal Bergoglio”. In questa frase si manifesta l’intenzione dell’autore ed il senso di questo libro.recensione le pecore (540 x 816)corretta

Grazie a queste pagine il lettore viene portato nelle villas di Bueno Aires dove, tra fango e baracche, andava Bergoglio per trovare la gente povera. A narrarci il volto missionario di Francesco saranno i racconti dei suoi collaboratori, delle persone direttamente conosciute quando era vescovo (padre Pepe, Teresa Acosta, Gustavo Vera, per esempio) e di ciò che egli ha fatto per i villeros. Le periferie, come le intende il Santo Padre, non sono solo i luoghi della cittá. Sono tutte quelle condizioni di povertá e di miseria che affliggono l’uomo: sono i lavoratori schiavi, i drogati, gli ammalati, chi non va piú a scuola. Questi sono problemi comuni a tutte le nostre cittá, senza distinguere in quale parte del mondo si trovano.

Scritto con un linguaggio comprensibile e semplice, questo libro di appena 100 pagine vuole porre attenzione agli aspetti del Bergoglio padre e pastore che non chiude gli occhi d’avanti ai problemi dei bisognosi, nè volta loro le spalle, ma cerca e prova insieme all’aiuto di altri (sacerdoti e laici) una soluzione: un Bergoglio vicino alla gente, pronto all’azione ed alla testimonianza del Vangelo.

L’incontro, la parola, lo scambio umano sono il tratto fondamentale della Chiesa di Bergoglio.

Riccardo Naty

Please follow and like us:
Posted by on 30 novembre 2014. Filed under Chiesa,Cronaca,Cultura,In evidenza,Società. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
4 + 25 =