Libri / Originale dizionario di don Santino Spartà. Tutto sui personaggi evangelici

Don Santino offre una copia del libro a Papa Francesco

Si è cimentato su singole figure, sui personaggi principali ma anche su quelli minori del Vangelo, giacché ognuna di esse è stata parte di un preciso momento storico, oltre che religioso. Don Santino Spartà, ancora una volta, si è immerso nei suoi amati libri e ha dato concretezza ad un ampio lavoro di ricerca, basato su fonti classiche e Vangeli apocrifi, realizzando Il “Dizionario dei personaggi evangelici”, edito da “Marcianum Press” e già in vendita.

Il prete, che trascorre la sua vita tra Randazzo, di cui è originario, e Roma, ha voluto soffermarsi sul contesto quotidiano relativo alla vita di Gesù, raccontandolo con le parole, i gesti, le caratteristiche di uomini, donne e bambini che vi interagirono. Schematica nella struttura, l’opera offre informazioni sia al fedele che mira a conoscere dettagliatamente i fatti caratterizzanti la vita di Cristo, sia a chi attenziona gli avvenimenti soltanto dal punto di vista storico.

Don Santino, conosciuto dalle cronache come “il prete dei vip”, da sempre appassionato di scrittura, che è stato collaboratore del settimanale “Oggi”, di diverse altre testate e di Radio Vaticana, ha all’attivo circa 40 pubblicazioni, fra commenti ed introduzioni ad opere note.

“Ho lavorato su queste figure attingendo dalle fonti classiche, quali Tito Livio, Svetonio, Strabone, Tacito, Giuseppe Flavio, la patrologia greca e quella latina, ma anche sui Vangeli apocrifi”, ha spiegato lo stesso. Che rivela la sua “curiosità giornalistica”, ad esempio, nel comunicare al lettore perfino il nome, “Stephaton”, del soldato romano, senza nome nei Vangeli, che offrì a Gesù la spugna imbevuta di aceto. Nome raramente riportato e diffuso nei testi.

Un libro, questo singolare dizionario, dalla duplice natura e dal duplice destinatario: “Il credente che lo legge vi può trovare un conforto ed una guida per la propria vita spirituale, può irrobustirsi nella fede, trovandovi approfonditi fatti e personaggi di cui non ha una conoscenza sufficiente; lo studioso, che si appassiona all’indagine storico-culturale, condotta con l’ausilio delle fonti, della vita di Gesù e del suo tempo”, ha precisato don Spartà.

Rita Messina