Mattarella Presidente / Il card. Romeo, arcivescovo di Palermo: “Farà il suo dovere con coerenza”

“Come cittadino sono contento che in tempi ragionevoli la Repubblica si è dotata del suo presidente perché ogni vuoto istituzionale può far lacerare il Paese. Penso che dobbiamo andare fieri, non soltanto perché il neo presidente è palermitano, perché chi conosce Mattarella sa che siamo di fronte ad uno statista che ha contribuito ad aprire cammini, a cercare intese e a fare maturare determinate istanze anche all’interno del Paese”.

Romeo_3Lo ha dichiarato l’arcivescovo di Palermo, il cardinale Paolo Romeo, che è anche contento che sia stato eletto un uomo credente e praticante. “È una persona che non sbandiera la sua fede e non va cercando consensi, cavalcando la religiosità popolare – ha evidenziato il porporato -. Inoltre, gli va riconosciuto che sin da quando è stato ucciso suo fratello, e credo che questo sia un grande valore, non abbia mai sfruttato la morte di Piersanti mettendosi a capo di manifestazioni, anche se è stata chiara la lotta contro la mafia”.

Il cardinale Romeo riconosce anche la grande esperienza che Mattarella ha maturato anche come ministro della Repubblica. “È stato componente in diversi Governi – ha sottolineato il porporato – ed è stato sempre apprezzato per come ha lavorato. È anche una persona riservata che non parla a vanvera e questi sono tutti elementi molto positivi in un capo dello Stato che ama il Paese ed ha una visione cristiana e un’attenzione alla persona umana. Anche quando si dimise da ministro e non per cose personali, lo fece per evitare compromessi perché credeva nei valori della libertà che potevano essere minacciati”. “Credo – ha concluso il cardinale Romeo – che Mattarella, come presidente della Repubblica, farà il suo dovere con decisione senza reazioni passionali, ma con quella coerenza che è la forza del suo stile di vita”.
(Fonte: AgenSir)
Please follow and like us:
Posted by on 2 febbraio 2015. Filed under Chiesa,homepage,In evidenza,Società. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
20 × 7 =