Migranti / Sabato 30 marzo ad Acireale convegno su integrazione e modelli di accoglienza

Da sinistra: don Arturo Grasso, Salvo E.Leotta, don Vittorio Rocca, Francesco Grasso Leanza, don Lucio Cannavò

Quale integrazione dei migranti? Modelli di accoglienza a confronto” è il tema dell’atteso convegno, promosso dall’associazione giovanile “L’impulso” con l’adesione dell’Ufficio “Migrantes” della diocesi di Acireale e dell’Associazione Forense Acese, che si svolgerà ad Acireale il prossimo sabato 30 marzo, con inizio alle ore 16,30, presso la Basilica di San Sebastiano. Qualificati relatori dell’incontro saranno Rosario Sapienza, professore ordinario di Diritto Internazionale nell’Università di Catania, Emiliano Abramo, responsabile regionale della “Comunità di Sant’Egidio” e Carla Trommino, avvocato specializzata in diritto dell’immigrazione. Sono previsti, inoltre, alcuni interventi programmati nel corso dei quali saranno offerte delle interessanti testimonianze.

“E’ un tema culturale che interpella e coinvolge tutti gli attori sociali attivi sul territorio” ha spiegato il promotore e presidente dell’ass. L’Impulso, l’avv. Salvo Emanuele Leotta, nel corso della conferenza stampa di presentazione di stamattina. “Ecco perché abbiamo pensato ad un convegno aperto a tutti i portatori di interesse, che condivideranno con noi buone prassi ed esperienze virtuose in ambito sia locale che sovranazionale, al fine di elaborare insieme soluzioni e sentieri possibili di integrazione”.

L’evento – è stato ricordato – si inserisce nel ricco calendario di attività formative e culturali organizzate per l’anno pastorale 2018/2019 dalla Basilica di San Sebastiano Martire. “Restiamo umani  è stato il tema scelto quest’anno”, ha detto il Decano, don Vittorio Rocca. “Siccome  i migranti non sono uomini di serie B, ma uomini come noi, vanno accolti ed integrati: questa è la posizione della Chiesa Cattolica. Certamente, va fatta un’accoglienza in modo intelligente, ma non ci si può sottrarre a questo nostro dovere cristiano. È proprio una questione di umanità quella su cui si centra il tema del convegno, che approfondiremo al di là della polemica politica e partitica”.

Il direttore dell’Ufficio Migrantes, don Lucio Cannavò, ha sottolineato come la Diocesi di Acireale abbia aderito con favore all’iniziativa, memore delle tre parole-chiave indicate da Papa Francesco sul tema della immigrazione: accoglienza, protezione, integrazione.

In rappresentanza dell’A.F.A. era presente l’avv. Francesco Grasso Leanza, il quale ha evidenziato come si tratti di un argomento molto delicato che presenta diversi aspetti importanti anche a livello giuridico-legale; un tema di grande impatto sociale, da analizzare in maniera obiettiva.

Il convegno, come detto aperto a tutta la cittadinanza, è stato accreditato dall’Ordine degli Avvocati di Catania con due crediti ai fini dell’obbligo di formazione continua.

Guido Leonardi