Natale all’insegna della “Misericordia”

Generosa risposta dei soci della Misericordia all’appello della serata natalizia trascorsa insieme nell’accogliente Istituto san Benedetto. Articolato in vari momenti di preghiera e di fraternità, l’incontro del 7 gennaio 2012 ha segnato nella vita dell’Associazione una significativa prima tappa del nuovo anno, nel confrontarsi sulle difficoltà di un volontariato rispondente alle esigenze della problematica realtà d’oggi.

Nella Chiesa di san Benedetto, la recita dei Vespri, nell’essenzialità del Battesimo di Gesù: il vescovo, mons. Antonino Raspanti, nella sua profonda meditazione, ha voluto mettere in luce l’evento, unico nella Storia terrena, della rivelazione del Padre sull’identità del Figlio:” Questi è il Figlio amato!”. Verso l’Associazione ha avuto parole di elogio, augurandole d’essere splendente come la stella cometa, che guida i Magi verso il Bambino Gesù. Nel salone, scambio di auguri; Orazio Maltese, moderatore, porta i saluti del presidente, dott. Salvo Romeo, e mette sul tappeto delle riflessioni inerenti ai delicati compiti dei volontari.

La dott. Teresa Scaravilli con convinzione parla sull’interessante tema “Varcare la soglia della speranza – Costruire la civiltà dell’Amore”, ricollegandosi all’enciclica “Spe salvi” di Benedetto XVI del 2007  e all’apposito libro di Vittorio Messori. Nella sua argomentazione la dottoressa, con una deduzione personale, intesa a corrispondere al progetto di Dio, invita i presenti al coinvolgimento: “la speranza è il sogno di felicità deposto nel cuore dell’uomo…Per raggiungerla devo correre il rischio, devo varcare la soglia del mio io e incontrare l’io di uno sconosciuto, imprevedibile, incerto…”. Segue il dibattito. A conclusione, il maestro Enrico Sorbello mirabilmente esegue al violoncello brani d’autore.

                                                                                                                                 Anna Bella

Please follow and like us:
Posted by on 1 gennaio 2012. Filed under Interviste. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
18 − 16 =