Etna 1 / Alcuni scatti suggestivi del Parco in giro per il mondo in occasione della mostra dei siti Unesco italiani

Pubblichiamo il comunicato stampa del 8-10-2014 del Parco dell’Etna dal titolo: “PARCO DELL’ETNA: quattro foto dell’Etna nella grande mostra dei siti Unesco che girerà il Sud America nel 2015 per l’Anno Italiano in America Latina”.

etna-foto-mostra-

Dario Coletti, foto reporter romano di grande fama ed esperienza, curatore della mostra

Quattro foto altamente simboliche, che ritrarranno alcuni tra gli aspetti naturalistici e antropologici più significativi dell’Etna patrimonio dell’Umanità, faranno parte della grande mostra fotografica sui siti Unesco del nostro Paese (dal titolo “un.it unescoitalia. I siti Patrimonio Mondiale nell’opera di 14 fotografi”), curata dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del turismo in collaborazione con il Ministero degli Esteri, che effettuerà un tour in molte capitali e grandi città del Sud America in occasione dell’Anno Italiano in America Latina, che verrà celebrato nel 2015.

Autore delle foto sul vulcano siciliano per la mostra è Dario Coletti, fotoreporter romano di grande fama ed esperienza, vicedirettore dell’Istituto Superiore di fotografia di Roma e coordinatore del Dipartimento di fotogiornalismo. Coletti ha intensamente lavorato per oltre una settimana nel Parco dell’Etna, accompagnato e indirizzato dal vulcanogo del Parco Salvo Caffo e dalla guida Orazio Di Stefano, per trovare gli spunti per le foto e ritrarli con il suo sapiente obiettivo. “L’Etna è un viaggio al centro dell’anima e all’origine dell’universo – racconta Dario Coletti, affascinato dall’esperienza sul vulcano siciliano, a conclusione del suo lavoro – La natura del paesaggio, selvaggio e in continua evoluzione, il silenzio, evocano nell’anima del viaggiatore riflessioni sulla propria esistenza. Le immagini dell’Etna che più mi hanno colpito e che intendo proporre per la mostra sono quelle relative alla distruzione, al mutamento e alla continua ricostruzione che il territorio opera. Credo che l’Etna sia davvero un luogo che appartiene all’umanità intera perché tra le sue lave e i suoi boschi è possibile leggere la storia naturale del nostro pianeta”.

Please follow and like us:
Posted by on 11 ottobre 2014. Filed under Appuntamenti,Cronaca,Cultura,In evidenza,Note di servizio,Società. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
22 × 1 =