Non tutti partono / Riflessi dell’Isis sulla fede dei giovani musulmani europei?

isi2p“Penso che ci sia una vera e propria crisi di fede per i giovani musulmani. E credo che la nuova generazione in Francia e nel Regno Unito abbia con la fede lo stesso problema dei giovani cristiani”.

A sostenere questa  interpretazione, che lambisce  la striscia del terrorismo Isis,  non è un ingenuo, è un intellettuale che ha sempre guardato la storia e la cronaca  cercandovi tracce di quella speranza che “non  sia un allegro fischiettare al buio”.

E’ Timothy Radcliffe,  settant’anni, già Maestro generale dell’Ordine domenicano  e da poco Consulente del Pontificio Consiglio per la Giustizia e la Pace.

In un’intervista apparsa in questi giorni su un quotidiano nazionale italiano l’osservazione di Radcliffe sulla crisi di fede dei giovani musulmani europei sembra andare in rotta di collisione con le notizie che riferiscono di non pochi loro coetanei partiti per combattere a fianco dei miliziani del Califfato.

Non è da escludere  che la  crisi di fede  dei giovani musulmani europei  risenta anche della ferocia di chi in nome di una “propria” interpretazione dell’Islam uccide e distrugge.

Il domenicano  va oltre, indica una pista di riflessione e invita a percorrerla guardando negli occhi i giovani dell’Islam che nell’incrociare  la cultura occidentale hanno trovato e trovano motivi diversi se non contrari a quelli dei coetanei che partono per raggiungere l’Isis.

Certamente questi segnali non bastano per  dire che la cronaca e la storia  stanno  cambiando direzione.

Non è ancora giunto il momento come non è  giunto il momento per vedere una folla di giovani musulmani  europei in piazza per ribadire la loro  distanza dal terrorismo. E’ però molto importante  seguire il processo che sta avvenendo nelle loro coscienze.

Bisogna attendere una maturazione  resa lenta e complessa dalle insidie e dalle minacce di un  integralismo a fortissima intensità vendicativa.

Non bisogna nel frattempo dimenticare che i giovani musulmani italiani erano a L’Aquila durante il terremoto e  in altri interventi  di soccorso.  Erano in questi giorni negli oratori estivi, nelle associazioni,   nelle comunità.  E sono sempre più numerosi nella scuola.

Ai bordi della cronaca si avverte il loro muoversi  sulle strade  dell’Occidente alla ricerca  di un luogo e di un tempo in cui l’accoglienza  non sia ridotta a tolleranza e l’integrazione non sia la cancellazione della diversità.

I giovani cristiani ci saranno a questi incroci?  E con quale testimonianza di vita e di fede?

Non c’è una risposta precisa ma  qualcosa di non visibile  sta avvenendo.

“Penso che molti giovani siano alla ricerca di una visione dell’umanità che conservi il senso della nostra bellezza e della nostra dignità”, dice Timothy Radcliffe  soffermandosi sull’Università di Oxford dove insegna.

Ed essere giovani significa  amare la ricerca,  dare significato alla vita,  sognare un mondo di diversità comunicanti, cercare la bellezza.

Forse questo domenicano dai capelli bianchi e da un volto sorridente è solo un inguaribile malato di utopia e di sogni. Forse, invece,  indica un sentiero  lungo il quale lo sguardo  può spingersi  oltre la logica  del muro conto muro che non aiuta  a risolvere alcun problema.

Uno sguardo che arriva fino  ai giovani musulmani europei e ai giovani cristiani europei per accompagnarli e  sostenerli  insieme nel  vivere il tempo  della crisi di fede non  come il tempo della resa ma come il tempo della ricostruzione della speranza. Il tempo dell’incontro con la bellezza.

Paolo Bustaffa

Please follow and like us:
Posted by on 7 luglio 2015. Filed under Europa,In evidenza,Mondo,Religioni,Società. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
27 − 15 =