Oltre 70.000 spettatori nei cinema italiani ed europei per la diretta Rai di “Rigoletto”

Almaguer (Rigoletto), Ignacio (Gilda) 2Oltre 70.000 spettatori in una sola sera per  “Rigoletto”, trasmesso ieri dal Teatro Antico di Taormina nei cinema italiani ed  europei in diretta Rai via satellite con la regia di Enrico Castiglione. Dopo il  trionfo della “prima”, con la rappresentazione di ieri sera il successo del  nuovo allestimento verdiano è diventato internazionale, grazie alla copiosa  partecipazione del pubblico intervenuto nelle sale cinematografiche sparse in  tutta Europa per assistere alla proiezione in tempo reale, contemporaneamente  alla seconda recita del 9 luglio alle 21,30 trasmessa appunto in diretta. Grande  l’affluenza nei cinema soprattutto spagnoli, ma anche inglesi, francesi, croati,  portoghesi, tedeschi, come dimostrano i messaggi facebook e il cinguettio di  decine di twitter degli spettatori che hanno animato il web e commentato in  diretta la trasmissione via satellite da Taormina.

    Si tratta, insomma, di un nuovo  fenomeno mediatico collettivo dal vivo per l’opera lirica, di indubbio impatto,  che è stato condiviso dagli spettatori presenti in teatro e da quelli affluiti  nei cinema: in Italia attraverso il circuito di Microcinema  (www.microcinema.eu); in tutta Europa, negli Stati Uniti e nel resto del mondo  da Rising Alternative (www.risingalternative.com).

    “Mentre ero in pullman a guidare i  miei cameramen e a realizzare la regia televisiva in diretta – evidenzia  Castiglione – mi arrivavano decine di sms entusiastici da amici sparsi in tutta  Europa e sulla mia pagina Facebook: un’esperienza che ogni volta diventa sempre  più esaltante, considerando che in quel momento stiamo realizzando un vero e  proprio film in diretta”.

    Attrattiva del pari importante, il  Rigoletto “live” da Taormina ha visto in scena quattro star della lirica  continuamente applauditi sia al Teatro Antico che nei cinema: un fenomeno mai  visto prima, scatenato proprio dalla diretta via satellite e dalla  consapevolezza di sapere che si sta partecipando ad un evento “dal vivo” anche  se si è chiusi dentro una sala cinematografia. Sul palcoscenico nel ruolo del  titolo il baritono Carlos Almaguer, in quello del Duca di Mantova il tenore  Gianluca Terranova, noto anche al pubblico televisivo quale protagonista della  fiction Rai “Caruso, la voce dell’amore”. Gilda era il soprano Rocio Ignacio,  nelle vesti di Monterone il basso Gianfranco Montresor. Insomma un cast di  assoluta qualità, che ha annoverato ancora Emanuele Cordaro (Sparafucile),  Chiara Fracasso (Maddalena), Lara Rotili (Giovanna), Antonio Barbagallo  (Marullo), Giuseppe Distefano (Borsa), Salvatore Grigoli e Annalisa Sprovieri  (il Conte e la Contessa di Ceprano). L’Orchestra Sinfonica Bellini ha dato  ottima prova sotto la guida di Gianluca Martinenghi e il Coro Lirico Siciliano,  istruito da Francesco Costa, ha dato forza al “vil razza dannata” dei  cortigiani. I bellissimi costumi realizzati da Sonia Cammarata, applauditissima  al Teatro Antico, hanno completato ed arricchito una produzione accolta con  continui applausi a scena aperta e in trionfo alla fine.

    “Possiamo dire che Enrico Castiglione  ha vinto ancora una volta una vera e propria sfida registica – ha dichiarato  Eligio Giardina, Sindaco della Città di Taormina – quella di realizzare un film  opera in diretta dalla nostra bellissima Taormina e di questo siamo orgogliosi”.  Un film ripreso con imponente dispiegamento di forze e trasmesso in alta  definizione simultaneamente nei migliori cinema europei, mentre dove il fuso  orario non lo ha consentito, specialmente in Oriente, si andrà in differita.  Riconosciuto è del resto il carattere cinematografico delle produzioni che egli  concepisce come regista teatrale e contemporaneamente televisivo, nonché  scenografo di messinscene contraddistinte da spettacolarità delle riprese e  bellezza degli allestimenti, arricchiti dai costumi di Sonia Cammarata, con la  quale fin dal 2004 forma una coppia artistica di successo.

    RAI5 trasmetterà “Rigoletto” martedì  16 luglio alle ore 21.15 e successivamente toccherà a RAIUno nell’ambito della  programmazione curata ogni anno per la lirica da Gigi Marzullo. Lo spettacolo  approderà poi via via sulle reti Rai e sulle principali emittenti e piattaforme  televisive internazionali, come ormai avviene ogni anno per gli spettacoli  d’opera firmati da Enrico Castiglione.

    Il poliedrico regista romano di  origini siciliane, intensamente impegnato nei giorni scorsi a Taormina nelle  prove della regia teatrale, per quella televisiva si è avvalso di ben dodici  camere in alta definizione, oltreché mezzi e carrelli tipici delle riprese  cinematografiche. Il Teatro Antico è diventato eccezionalmente una sorta di set  cinematografico “open air”: un’esperienza unica nel mondo della lirica, che il  pubblico seduto sui gradoni greco-romani ha potuto vivere seguendo lo spettacolo  teatrale e al contempo la realizzazione dal vivo di quello  cinematografico.

    La lettura registica rifletteva  sull’amore portato alle estreme conseguenze: l’amore spirituale in contrasto con  quello carnale e l’amore paterno che si scontra con quello filiale, in una  dimensione labirintica dei sentimenti che porta inevitabilmente al sacrificio  estremo, come nell’originale fonte letteraria, “Le Roi s’amuse” di Victor Hugo  L’allestimento è prodotto in esclusiva dal Festival Euro Mediterraneo, in  collaborazione con il Comitato Taormina Arte e il Bellini Festival. 

    Così, per il terzo anno consecutivo,  un’opera lirica allestita al Teatro Antico di Taormina da Enrico Castiglione è  stata trasmessa dalla Rai in diretta via satellite in centinaia di cinema in  tutto il mondo. Dopo “Nabucco” nel 2011 e “Norma” nel 2012, è toccato ad un  altro capolavoro, “Rigoletto”, in omaggio al bicentenario della nascita di  Giuseppe Verdi. Avendo superato il traguardo di numerose mondovisioni e decine  di dirette, in quest’ambito Castiglione è senz’altro l’artista internazionale  oggi più attivo e quotato, in grado di cimentarsi nella regia teatrale e al  tempo stesso cinematografica degli spettacoli lirici, tanto che ad oggi sono  oltre duecento le sue produzioni regolarmente trasmesse dalle maggiori reti  televisive mondiali ed edite in dvd e  blu-ray.

Please follow and like us:
Posted by on 10 luglio 2013. Filed under Appuntamenti,Cronaca,Cultura,In evidenza,Spettacoli. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
27 − 12 =