Parco dell’Etna / In un incantevole scenario naturale riaperta la storica Casermetta di Piano dei Grilli a Bronte

 

Il 7 giugno è stato un giorno importante per la fruizione del Parco dell’Etna: è stata riaperta ed è di nuovo fruibile la storica Casermetta di Piano dei Grilli, punto base n.6 del Parco localizzato in uno scenario naturale di straordinaria bellezza sul versante nord ovest dell’Etna, in territorio di Bronte.

Bikers a Piano dei Grilli

Bikers a Piano dei Grilli

La struttura, che può essere raggiunta attraverso una suggestiva strada in basolato lavico di circa 3 km, – informa un comunicato dell’Ente –  verrà gestita dall’Associazione ambientale “Etna e Dintorni”, che si è aggiudicata il bando del comune di Bronte per l’affidamento in comodato d’uso per 6 anni (più sei rinnovabili) della Casermetta, ristrutturata dal Parco.

Alla semplice cerimonia, condotta dal felicissimo presidente di “Etna e dintorni” Antonio Mirulla che ha voluto ribadire che la Casermetta sarà “la casa di tutte le associazioni e di tutti gli escursionisti”, erano presenti, insieme a tanti appassionati e associati, i rappresentati istituzionali del comune di Bronte e quelli del Parco dell’Etna. In primis la presidente Marisa Mazzaglia, che ha espresso grande soddisfazione per il ritorno alla piena fruizione uno dei punti base più significativi e ricchi di suggestione dell’area protetta e ha sottolineato che l’affidamento dei punti base ad associazioni ambientali ed escursionistiche del territorio dovrà essere un modello da seguire per il futuro.  Presenti anche il vulcanologo e responsabile della fruizione Salvo Caffo, il giornalista Gaetano Perricone, la guida Orazio Distefano.correTabella Piano dei Grilli (1296 x 864) (427 x 285)

“Etna e dintorni” gestirà la Casermetta con un folto gruppo di volontari, che presteranno la loro opera sul luogo dal mercoledì alla domenica fino a tutto settembre prossimo e nei fine settimana e giorni festivi negli altri periodi dell’anno.

Dalla Casermetta di Piano dei Grilli è possibile raggiungere le suggestive zone di Monte Minardo e Prato Fiorito, la zona di Piano Fiera e di Intraleo, fino alla Pista Altomontana. Si tratta dunque di un punto assolutamente strategico per la fruizione a 360 gradi dell’intero territorio del Parco dell’Etna.

 

Please follow and like us:
Posted by on 9 giugno 2015. Filed under Ambiente,Cronaca,In evidenza. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
3 × 19 =