Proposte / Da Tonya a I segreti di Wind River. I film in uscita per Pasqua

Fantasy e futuro distopico, Steven Spielberg parla ai giovani con “Ready Player One”. Dai festival il biopic “Tonya”, mentre per il cinema italiano c’è la commedia “Contromano” di Antonio Albanese. Le indicazioni della Commissione Film CEI.

Al cinema per Pasqua due proposte per giovani (e non) appassionati di fantasy e cultura videoludica. Il primo è “Ready Player One”, adattamento di un racconto distopico uscito dalla penna di Ernest Cline. Steven Spielberg lo porta sul grande schermo attingendo alla sua straordinaria capacità visionaria (suoi sono “E.T”, “Indiana Jones”, “Jurassic Park” e “A.I.”). Un film in cui gli effetti speciali sono dominanti nell’economia della narrazione. Spielberg è sempre una garanzia.

Il secondo film, “Nelle pieghe del tempo” della regista Ava DuVernay (“Selma”, 2014), è l’adattamento di un romanzo pubblicato da Madeleine L’Engle negli anni Sessanta. È l’avventura fantastica di una giovane ragazza, Meg, in cerca del proprio padre. Accompagnata da un amico, Meg valicherà la dimensione del tempo lottando contro le forze del male. Nel cast attrici di primo piano tra cui Reese Witherspoon e Oprah Winfrey. Film per ragazzi con atmosfere fantastiche e coinvolgenti, dall’andamento intrigante ma non sempre bilanciato.

È stato uno dei titoli forti della 12a Festa del Cinema di Roma, “Tonya” di Craig Gillespie, che si ispira alla vita della pattinatrice statunitense Tonya Harding, passata da umili origini alla gloria del pattinaggio sul ghiaccio. La Harding viene però coinvolta nel 1994 in uno scandalo ai danni di una collega Nancy Kerrigan, nello stesso team olimpionico. La forza del film “Tonya” è nella regia brillante di Gillespie, che alterna momenti pop a pagine di realismo graffiante, e ancora di più nell’interpretazione di Margot Robbie e Allison Janney (quest’ultima Premio Oscar come miglior attrice non protagonista).

Dal Festival di Cannes – miglior regia nella sezione Un certain regard – c’è “I segreti di Wind River”, scritto e diretto da Taylor Sheridan (autore dello script di “Sicario”), con Jeremy Renner e Elizabeth Olsen. Un thriller poliziesco sulle montagne del Wyoming. Per gli amanti dei racconti gialli ad alta tensione.

Chiudono le uscite di Pasqua due commedie italiane: la prima è “Contromano”, firmata da Antonio Albanese, nelle vesti anche di protagonista, un racconto sul pregiudizio razziale e le difficoltà di integrazione sociale, temi declinati con umorismo brillante; la seconda commedia è “Io c’è” di Alessandro Aronadio, con Edoardo Leo, Margherita Buy e Giuseppe Battiston. Incipit provocatorio e pungente su beni ecclesiastici e questioni legate al fisco, declinato con umorismo ma non sempre a fuoco.

Massimo Giraldi e Sergio Perugini, Commissione nazionale valutazione film Cei