Riposto / La terza “Festa del mare” diocesana. Vescovo e imam: “Migranti ospiti, non stranieri”

“L’Approdo della carità”. Questo il tema che ha caratterizzato la terza edizione della “Festa del mare” svoltasi nel porto turistico dell’Etna di Riposto. L’evento è stato promosso dall’Ufficio diocesano Migrantes (settore Stella Maris), retto da don Marcello Zappalà, e quest’anno ha visto coinvolti per la prima volta gli Uffici diocesani per la Pastorale Giovanile, Ecumenismo e Caritas.
I lunghi viaggi affrontati dai migranti, le loro sofferenze e i pericoli cui vanno incontro: anche il tema proposto per la terza edizione segue quelli proposti dalle scorse edizioni “Sulla barca della fede” e “Sbarchiamo la speranza”.festa mare

Fede, Speranza, Carità, sono state ampiamente citate da mons. Domenico Mogavero nel suo intervento rivolto ai presenti a attraverso il quale i presenti sono stati sollecitati a riflettere sulla parabola del buon samaritano: “Un uomo attento non solo all’aiuto immediato del mal capitato ma pronto a prendersene cura anche dopo”, ha detto il vescovo di Mazara del Vallo, delegato C.E.Si per le Migrazioni e per la Carità. Alle sue parole ha fatto eco l’intervento dell’imam di Catania Kheit Adelhafid che ha ricordato all’assemblea una realtà presente tra le popolazioni etiope di lingua Tigre: non esiste la parola “straniero” ma semplicemente “ospite”. “Questa iniziativa è servita anche per promuovere il dialogo interreligioso ascoltando l’altra faccia della medaglia. Oggi l’Isis fa paura e noi la vogliamo affrontare entrando in dialogo con la parte buona dell’Islam”, ha affermato don Marcello Zappalà.

Momento culminante della serata è stato l’arrivo sul palco della Madonna di Loreto portata a spalla dai giovani della Diocesi. Si tratta della stessa effigie che sarà portata dagli italiani insieme alla croce di San Damiano alla prossima GMG 2016 di Cracovia.

Pina Maccherone

 

Please follow and like us:
Posted by on 26 luglio 2015. Filed under Chiesa,Cronaca,Diocesi,Riposto. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
22 − 14 =