Santa Venerina / All’Istituto Comprensivo si costituisce il gruppo vocale “INcantor” nell’ambito dei progetti PON

Hanno avuto recentemente inizio presso l’Istituto Comprensivo di Santa Venerina, nella sede centrale di via Aldo Moro, i progetti per il PON (Programma Operativo Nazionale) coro S. Venerina_62102007-2013, “Competenze per lo sviluppo”, finanziato dal FSE, Fondo Sociale Europeo.

“Promuovere il successo scolastico, le pari opportunità e l’inclusione sociale” è il tema peculiare dell’obiettivo “F” del PON, volto a cogliere gli interessi, valorizzare le risorse intellettuali, relazionali ed operative, ottimizzare  le capacità individuali per la promozione di atteggiamenti positivi nei confronti della scuola e dell’istruzione e  per una funzionale integrazione socio-culturale sia di soggetti in età scolare sia di adulti.  L’obiettivo si articola, a sua volta,  in due “azioni”: la “F1”, nello specifico, si indirizza agli studenti e alle studentesse del I ciclo di istruzione e ai loro genitori.

L’Istituto Comprensivo di Santa Venerina ha così promosso il progetto  “In …. canto”, per la creazione di un gruppo corale formato da genitori: l’adesione si è subito rivelata entusiastica con la partecipazione di ben 34 coristi (donne nella maggioranza, tra cui anche alcune insegnanti della scuola) che da marzo fino a giugno si impegneranno per 60 ore complessive, in incontri settimanali o bisettimanali di tre ore ciascuno. Il nome scelto dalla compagine è quello di “INcantor”  che sarà guidata, come tutor,  dalla prof.ssa Caterina Musmeci, docente di “Musica” presso lo stesso istituto nella scuola secondaria di I grado, mentre come esperto dal M° Giuseppe Musumeci, violinista e compositore, nonché apprezzato direttore di diverse complessi corali.

Attraverso una metodologia volta a coniugare accuratezza nell’educazione vocale,   precisione nell’impianto corale e l’instaurazione di un clima gioioso, piacevole,  divertente, gli INcantor si cimenteranno con “La canzone italiana dagli anni ’30 ai nostri giorni”, tema scelto dai formatori,  che spazierà da “classici” come Giovanni D’Anzi (“Bellezze in bicicletta”), Domenico Modugno, Gino Paoli, fino a Jovanotti e Giuliano Sangiorgi. Particolare attenzione sarà volta alla prassi esecutiva che tenderà ad essere partecipata e consapevole mediante il ricorso alla contestualizzazione storico-sociale-culturale dei brani. Alla fine del percorso è previsto un recital con l’esecuzione delle canzoni studiate.

Giuseppe Gullotta

Please follow and like us:
Posted by on 24 marzo 2014. Filed under Cronaca,Cultura,In evidenza,Iniziative,Scuola,Società,Spettacoli. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
24 ⁄ 8 =