Santa Venerina / Vino, visite in cantina, musica popolare: ecco EnoEtna. L’inaugurazione domani in piazza Roma

Tutto pronto per EnoEtna 2018, la piazza delle eccellenze della Sicilia e dell’Etna. Si parte domani, sabato 22 settembre, con gli AntEtna in concerto. La 22esima edizione mette al centro il 50esimo anniversario della istituzione del marchio Etna Doc.

Degustazioni, mostre, spettacoli, visite alle cantine, palio delle botti, palio delle contrade con al centro un protagonista indiscusso: il vino. Questo e tanto altro è EnoEtna.

La manifestazione – organizzata dal Comune di Santa Venerina, con il patrocinio della Regione Siciliana-Assessorato dell’Agricoltura, dello Sviluppo Rurale e della Pesca Mediterranea ed Assessorato del Turismo, dello Sport e Spettacolo; con la collaborazione, tra gli altri, della locale Pro Loco, della Consulta Giovanile, dell’Associazione TriChora Lab, dell’Istituto Professionale Alberghiero “Falcone” di Giarre, dell’Istituto di Istruzione Superiore “Fermi – Eredia” di Catania – si svolgerà nei prossimi due fine settimana del 22 e 23 e del 29 e 30 Settembre.

Siamo felici di presentare – dice il sindaco Salvatore Greco – un’edizione di EnoEtna che riteniamo essere ben fatta e che va nella corretta direzione della promozione di un segmento produttivo particolare: il vino e quindi il territorio. Anche quest’anno, così come sperimentato nelle ultime edizioni, abbiamo incentrato la nostra attenzione sulla riconferma della centralità del vino ma senza tralasciare le occasioni culinarie, di svago, di spettacolo e di conoscenza del territorio”.

Tra gli eventi di punta di quest’edizione – si legge nel comunicato stampa – vi è il 50° anniversario dell’istituzione del marchio “Etna DOC” che sarà celebrato con una tavola rotonda dal titolo “DOC Etna: 50 anni di storia”, in programma per sabato 29 settembre, alle ore 18,30, presso la Casa del Vendemmiatore, che vedrà la partecipazione del sindaco Salvatore Greco; del Direttore dell’Istituto Regionale Vini ed Oli di Sicilia, Vincenzo Cusumano; del presidente del Consorzio tutela Vini Etna DOC, Antonio Benanti; del docente emerito di viticoltura ed enologia, Antonino Zappalà; e dell’enologo dell’Istituto Regionale Vini ed Oli di Sicilia, Gianni Giardina. A seguire si svolgerà un “Wine tasting” in cui i grandi vini DOC dell’Etna saranno abbinati ai prodotti tipici locali, il tutto sotto la magistrale regia dell’enologo Gianni Giardina dell’Istituto Regionale Vini e Oli di Sicilia.

La conferenza stampa svoltisi presso la pasticceria Russo alla presenza del sindaco Salvatore Greco, il presidente del Consorzio Vini Etna Doc Antonio Benanti e i rappresentanti degli enti e associazioni che hanno aderito al programma di EnoEtna 2018

Assolutamente da non perdere sarà il tradizionale “Palio delle Botti – II memorial Francesco Nicolosi” che si svolgerà domenica 23 settembre con partenza, alle ore 10.00, da piazza Roma. Le coppie di spingitori di varie città, tra cui anche Santa Venerina, si sfideranno nella faticosa impresa di rotolare in salita, lungo il lastricato della via Vittorio Emanuele, le pesanti botti da 500 litri, fino alla piazza del Municipio.

La pineta di piazza Roma ospiterà per due weekend le eccellenze siciliane del gusto e dell’artigianato siciliano e una grande area degustativa di vini curata dal Consorzio Tutela Vini Etna DOC. Novità di quest’anno è che i vini proposti in degustazione saranno solo etichette appartenenti al consorzio Etna DOC.

Domenica 30 settembre, alle ore 16,00, EnoEtna ospiterà la terza edizione del “Palio delle contrade”, curato dall’associazione “Codice Siculo”, il cui progetto ambizioso è stato quello di trasformare il ricordo di un acceso campanilismo locale in più sana occasione goliardica e di spettacolo. I partecipanti dei vari rioni sfileranno da piazza Regina Elena fino a piazza Roma dove avranno inizio i giochi delle nostre tradizioni locali: corsa coi sacchi, tiro alla fune ma anche giochi frutto dell’estro creativo dei soci dell’associazione “Codice Siculo” il cui leit motiv è nel segno di una riscoperta delle tradizioni e delle origini legate alla cultura della coltivazione della vite, della vendemmia e del vino.

Abbiamo ampliato lo spazio espositivo – aggiunge l’assessore al Turismo Alfio Di Paola – con la previsione di più stand in cui sarà possibile trovare oltre ai vini anche molti manufatti artigianali ed anche altri prodotti tipici di qualità come pistacchio, fichi d’India, dolci. Non dimentichiamoci che abbiamo un territorio eccezionale, unico al mondo non solo per le sue bellezze ma anche per le sue caratteristiche climatiche, quindi il vino e i prodotti tipici sono un’occasione per veicolare e promuovere il territorio. Un ringraziamento particolare devo rivolgere alla consigliera Assunta Vecchio che pur avendo smesso i panni di assessore non ha fatto mancare la sua preziosa collaborazione e al consigliere Giuseppe Grasso che si è occupato dei rapporti con le scuole”.

Una particolare attenzione viene dedicata anche ai ragazzi dai 5 agli 11 anni per i quali sono stati previsti dei laboratori creativi a cura dell’Associazione TriChoraLab che si svolgeranno sabato 29 settembre, con partenza da Piazza Roma, presso l’”Agriturismo Sentiero degli Ulivi” dove saranno organizzate delle attività volte a sviluppare e valorizzare la conoscenza e la storia del territorio. I bambini, inoltre, non potranno mancare all’appuntamento con la Festa dell’aquilone, a cura della Pro – Loco di Santa Venerina – UNPLI Catania, in programma per domenica 30 settembre, alle ore 9.30, in Via Trieste – nell’area di Protezione Civile.

Preziosa la collaborazione con l’Istituto Professionale Alberghiero di Giarre “Falcone”. Gli studenti, sotto la guida del professore Rosario Cantarella, saranno protagonisti di momenti di “Cooking Show” dal titolo “La scuola delle eccellenze. Dove il Sapere è Sapore”, pronti a proporre ai visitatori, dietro acquisto di un apposito ticket, gustose preparazioni di primi piatti a base di pasta e couscous messi a disposizione dal pastificio Poiatti di Santa Venerina.

“Quella con EnoEtna è ormai una collaborazione che si è consolidata nel tempo – sottolinea la dirigente scolastica dell’Istituto Professionale Alberghiero “Falcone”, Monica Insanguine – in cui gli studenti del nostro istituto daranno quell’apporto di energia nuove alla manifestazione ed avranno modo di scommettersi all’esterno uscendo fuori dal loro luogo abituale di esercitazione che sono i laboratori scolastici”.

La collaborazione con l’Istituto d’Istruzione Superiore “Eredia” di Catania si concentrerà su viticoltura ed enologia. “Il nostro istituto – dice il professore Giovanni Vecchio – punta al rilancio dell’enologia, per la quale il nostro istituto è sempre stato un punto di riferimento fin dalla sua istituzione. Presso il nostro stand, nell’ambito di EnoEtna, offriremo, gratuitamente, ai produttori amatoriali l’analisi istantanea di mosti e vini per la determinazione dei livelli di zuccheri ed acidi”.

Interessante anche la previsione delle due enogite in programma nelle due domeniche del 23 e 30 settembre: dei percorsi storico – culturali alla scoperta delle eccellenze di Santa Venerina. “Nell’ambito delle enogite – dice la presidente di TriChoraLab Rosalia Spinella – i visitatori avranno la possibilità di compiere dei tour alla scoperta dei beni culturali ed archeologici del nostro territorio come la trichora di Santo Stefano, la chiesetta della Tenutella, le cantine, il museo della distillazione per chiudere poi con la degustazione di prodotti tipici del territorio, quali dolci tipici o prelibati antipasti e primi piatti”.
Altra novità di questa XXII edizione è l’inaugurazione della Via dell’Arte in Via Giovanni Mangano. La Consulta Giovanile del Comune di Santa Venerina ha bandito un concorso artistico per l’ideazione, la progettazione, la realizzazione e l’istallazione di un’opera d’arte avente carattere durevole, finalizzata alla valorizzazione del patrimonio culturale delle tradizioni vitivinicole del territorio etneo il cui tema è “Folkore, Tradizioni, Simboli e Memorie della valle dell’Etna”. “Ci auguriamo – afferma Francesca Russo, componente della Consulta Giovanile – che questo concorso sia l’occasione per accoglier molti artisti che potranno iscriversi entro il 25 settembre”. I partecipanti al concorso esporranno le loro opere nei giorni 29 settembre, dalle ore 18.00 alle ore 24.00, e 30 settembre, dalle ore 10.00 alle ore 24.00, presso la via Giovanni Mangano.

Il programma di EnoEtna è consultabile sul sito Internet all’indirizzo www.enoetna.it o nella pagina Facebook EnoEtna.