Santiago, la forza silenziosa che ti spinge nel “Camino” come nella vita

 “Nel Camino come nella vita.

Vuoi arrenderti, la speranza non ti sostiene più, la meta ti appare sempre più lontana e non ce la fai a continuare e pensi che non arriverai mai. Sei lì per lì per abbandonare.

Poi sopraggiunge una forza strana che inspiegabilmente non puoi misurare o controllare, una forza sconosciuta, oscura, mai sentita.

La chiamano “la fuerza del Camino”: è lei che silenziosa, senza che tu te ne accorga, ti trascina di nuovo dentro e non sai come o perché.

L’unica verità è ti ritrovi a camminare e prende corpo in te il convincimento che arriverai. E i dolori non li senti più e pensi alle gioie della vita e le illusioni diventano speranze e quella forza di dà certezze.

Nel Camino come nella vita”

“E’ un’esperienza straordinaria quella che, giorno dopo giorno, vado acquisendo si questo Camino. Una grande ricchezza. Sono convinto che sia di grande valore per chi vuole conoscersi realmente e conoscere gli altri. Anche e al di fuori del contesto religioso, come è inteso. E credo che il Camino debba considerarsi più importante per l’uomo d’oggi per quello del passato, e questo come libero modo di riflessione sulle contingenze e gli accadimenti del nostro tempo. Per fare il punto della propria situazione. Per avere il tempo di vivere strettamente con se stessi e per comprendere in che rapporto siamo con gli altri”.

(Letterio Pomara, “Santiago, la fuerza del Camino“)

Please follow and like us:
Posted by on 22 maggio 2012. Filed under Interviste. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
17 × 4 =