Scuola / Splendida prova teatrale per i ragazzi del “Majorana- Meucci” di Acireale in “San Giuvanni decullatu”

Ad Acireale, nella piazza San Giovanni XXIII, adiacente a Piazza Duomo, è stata rappresentata la splendida commedia siciliana “San Giovanni decullatu” di Nino Martoglio, nativo di Belpasso, in provincia di Catania, autore di una ventina di commedie in siciliano.
Presente un numeroso pubblico, elettrizzato dalle battute dei giovani attori della Scuola Superiore “Majorana- Meucci” di Acireale, con la regia del maestro Antonio Spoto del “Libero Movimento Artistico”. Applausi a iosa.
Prima della rappresentazione, la prof. Pina Arcidiacono parla dell’iniziativa “Noi e il teatro”, attuata con ottimi risultati nell’anno scolastico 2018- 2019 e presenta con entusiasmo la Preside, prof. Maria Catena Trovato. Del cast degli attori, fa parte anche la prof. d’inglese  Graziella Spina, nel ruolo di ‘za Pedra, faccendiera.
Serata fantastica in cui si sono esibiti , rivelando spiccate tendenze artistiche, dodici alunni di quattro classi: I B m ; 4 B m; I S; II S. Nella conclusione della commedia appare anche Antonio Spoto, nella parte del sindaco che unisce in matrimonio, dopo la “fuitina”, Serafina e Ciccinu.

Il simpatico giovane Giovanni Grasso della 4B m è l’intrepido protagonista, “Mastru Austinu”, che con molta spontaneità  si rivolge a “S. Giuvanni decullatu”, esposto in un quadro di casa, per essere aiutato nelle difficoltà della vita.
Della stessa classe, Gabriele Caserta e Antonino Conti, sono stati, rispettivamente, lo studente “don Ciccinu” ed il nonno “massaru Caloriu”, ben truccato,e Robert Dima, nelle parti di Segretario comunale e di “Pappi l’Orvu”. Umoristico, Giordano Grasso della I B m, nelle vesti di Orazio Funcidda.
Le ragazze della II S hanno recitato anch’esse con bravura: Noemi Savoca, Gna Zorra, moglie di Mastru Austinu; la figlia, Marika Russo, Serafina, protagonista della “fuitina” con “don Ciccinu”, di cui diverrà sposa; Marianna Coco, “Prudenzia”, la nonna; Jessica Motta, nella parte di vicina di casa. Della classe I S , Sofia D’Amico e Veronica Nicolosi, le due vicine di casa, Zenna e Mara.
Infine, bravi il tecnico delle luci e fonico Vadim Riggi, della IV B m  e i bandisti appartenenti alla formazione “Mascagni band”.
Notevole l’impegno di questi giovani attori  in questa bella attività teatrale che, opportunamente coltivata, potrebbe avere un futuro.

                                              Anna Bella