Tag: giornalista

Convegno / La testimonianza del giornalista Paolo Borrometi che ha fatto della lotta all’illegalità una missione

Il coraggio di esprimere le proprie idee, il non tirarsi indietro quando bisogna indagare per  informare, vivere la professione di giornalista con la consapevolezza che dire la verità, anche a costo di compromettere in maniera irreversibile la propria tranquillità, è una scelta difficile,  ma essere coerenti e affrontare i rischi per scelta personale. In queste…

Catania / Antimafia, la lezione di Pippo Fava nelle scuole siciliane. Domani primo incontro al liceo Spedalieri

Quando uno strumento innovativo come il crowdfunding incontra l’amore per la cultura della propria terra e il ricordo dei suoi uomini migliori, nascono iniziative che fanno de “I Siciliani” un popolo forte e generoso, che fa tesoro della memoria per consegnare al futuro lezioni morali e testimonianze di vita. La Fondazione Fava, da sempre attiva…

Libri / Ripartire dal turismo e dalle risorse inestimabili dell’Italia, si può. A Taormina Emilio Casilini (Report) presenta il suo libro

Emilio Casalini, giornalista RAI della trasmissione Report presenterà il suo libro-inchiesta “Fondata sulla Bellezza: Come far rinascere l’Italia a partire dalla sua vera ricchezza” sabato 13 febbraio h. 17:30 a Taormina, all’interno della splendida cornice di Palazzo duchi di Santo Stefano (Fondazione Mazzullo, porta Catania). “Un atto di amore verso la Sicilia – afferma il…

Testimonianze / “Mio zio Gaetano Saglimbeni, giornalista, che ha avuto la fortuna di fare il lavoro che gli piaceva”

Il mondo del giornalismo piange la scomparsa di una illustre firma del settore, Gaetano Saglimbeni il quale, nato a Taormina il 22 novembre del 1932, è deceduto a Milano il 20 gennaio scorso all’età di 83 anni. Egli era stato tra i primi iscritti all’Albo dell’Ordine dei giornalisti della regione Sicilia (la sua iscrizione risale,…

Trent’anni fa Pippo Fava / Il 4 e il 5 gennaio ricordi, in teatro e in tv, del giornalista ucciso dalla mafia

(4-1-2014) Il giornalista ucciso dalla mafia (5 gennaio 1984) perché aveva capito troppo. “Il potere si è isolato da tutto, si è collocato in una dimensione nella quale tutto quello che accade fuori, nella nazione reale, non lo tocca più e nemmeno lo offende, né accuse, né denunce, dolori, disperazioni, rivolte. Egli sta là, giornali,…