Teatro / Domenica 15 febbraio Mimmo Cuticchio al Centro Zo di Catania con “La pazzia di Orlando”

Domenica 15 febbraio, ore 20, Centro ZO torna a Catania Mimmo Cuticchio, un ospite d’eccezione nell’ambito della rassegna AltreScene. Già applauditissimo nell’edizione del 2008, il maestro si ripropone al pubblico di Altre Scene con uno spettacolo del repertorio classico “La pazzia di Orlando ovvero il meraviglioso viaggio di Astolfo sulla luna”, con Giacomo, Nino e Tiziana Cuticchio, Tania Giordano e le musiche tradizionali del pianino a cilindro (biglietto intero 13 euro, ridotto 10).

“Magari a qualcuno potrà sembrare strana la presenza dei pupi un calendario di scena   contemporanea – esordisce il direttore artistico di ZO, Sergio Zinna –ma è facile rispondere che il grande teatro è sempre contemporaneo: il Cunto e l’opera dei pupi sono grande teatro e il maestro Cuticchio ne ha rinnovato il linguaggio rivitalizzando una tradizione universale, che è nelle corde della identità siciliana. E a maggior dimostrazione della attualità di questa scuola, basta vedere quanti pochi degli artisti della nuova drammaturgia siciliana non hanno frequentato i suoi laboratori”.cuticchio (675 x 449)corretto

La produzione degli spettacoli dell’opera dei pupi – spiega un comunicato stampa – può essere descritta come una serie di scelte, ognuna delle quali condiziona in parte le successive. L’oprante distribuisce gli avvenimenti in atti e scene seguendo più o meno fedelmente dei canovacci tramandatigli dalla tradizione e improvvisa i dialoghi tenendo conto delle regole di formazione di scena.
“La Pazzia di Orlando” è uno dei titoli più cari al pubblico tradizionale. Uno spettacolo in cui si manifesta la vitalità del teatro dei pupi in modo semplice, diretto, forte, con mezzi sapientissimi che colpiscono tutti i sensi, traducendo uno degli episodi più classici della Storia dei Paladini di Francia in uno spettacolo d’autore.

Mimmo Cuticchio, oprante e cuntista, attore e regista, maestro e artigiano propone ancora una volta una sua creazione dagli accenti epici, non separabili dall’esercizio teatrale. Un atto d’amore verso il Teatro dei Pupi, una memoria funzionale alla pratica artistica, l’habitat indispensabile all’esercizio stesso dell’Opra e al rapporto con il pubblico. Anche da questo punto di vista l’Opra si rivela come confluenza unitaria di più elementi e di più linguaggi, proposti al pubblico con pari dignità.

 Quinto spettacolo di una rassegna nata dalla collaborazione tra Zo, Statale 114, MotoMimetico e supportata della Rete Latitudini che consolida il percorso del progetto Zo, “nel segno della continuità di un lavoro cominciato tredici anni fa, che ne ha fatto un luogo dell’inclusione, dell’arte, della cultura e dell’incontro dei linguaggi del contemporaneo – sottolinea Zinna – eventi che spaziano dal teatro alle arti performative”.   La rassegna proseguirà domenica, 1 marzo, ore 20, con lo spettacolo “Totò e Vicè” di Franco Scaldati, diretto e interpretato da Enzo Vetrano e Stefano Randisi.

 

 

Please follow and like us:
Posted by on 12 febbraio 2015. Filed under Cronaca,Cultura,In evidenza,Spettacoli. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
13 − 2 =